martedì 12 aprile 2016

ORFEO ALL'INFERNO - Ouverture - ORPHÉE AUX ENFERS (Orpheus in the Underworld) - Jacques Offenbach




ORPHÉE AUX ENFERS 
ORFEO ALL'INFERNO

Jacques Offenbach

Libretto - Hector Crémieux e Ludovic Halévy
Atti 2
Epoca di composizione - 1858
Prima rappredsentazione - 21 ottobre 1858
Théâtre des Bouffes-Parisiens (Parigi)


Jacques  Offenbach era un apprezzatissimo violoncellista. Per anni cercò inutilmente di fare rappresentare le sue opere e solo dopo l'Esposizione Universale di Parigi del 1855 riuscì a farsi amare dal pubblico come compositore.

Nel 1856 i parigini assistettero a quello che era probabilmente il capolavoro di Offenbach, Orphée aux enfers ('Orfeo all'inferno'). Non si trattava solo di una spumeggiante ed irriverente riscrittura della storia di Orfeo, ma anche di una pungente parodia sul malcostume delle classi alte della società parigina, dietro cui si celavano le ombre di un mondo corrotto e privo di moralità.



Gli amanti all'inferno

L'Ouverture spazia dalla delicata musica d'amore affidata al violoncello, fino al cancan audace e disinibito. 

Orfeo e la moglie Euridice sono una coppia annoiata ed Euridice ha una relazione con un pastore (dietro cui si nasconde Plutone, dio degli Inferi). Plutone provoca la morte di Euridice per poterla condurre nel suo regno ed Orfeo è ben felice di essersi liberato di lei.

Trattandosi di un operetta, gli stessi protagonisti sembrano non prendersi troppo sul serio. Orfeo, per esempio, è costretto a scendere negli inferi per riprendersi la moglie, ma non ha alcuna fretta di farlo. Nel frattempo Euridice è diventata l'oggetto dei desideri di Giove, che la trattiene con l'inganno.





VEDI ANCHE . . .






Sta.........................................

Nessun commento: