giovedì 7 gennaio 2016

DOVE VOLA L'AVVOLTOIO? (Where flies the vulture?)


  
DOVE VOLA L'AVVOLTOIO?

Un giorno nel mondo finita fu I'ultima guerra,
il cupo cannone si tacque e più non sparò
e, privo del triste suo cibo, dall'arida terra
un branco di neri avvoltoi si levò.

Dove vola I'avvoltoio?
Avvoltoio, vola via,
vola via dalla terra mia
che è la terra dell'amor.

L'avvoltoio andò dal fiume
ed il fiume disse: "No,
avvoltoio, vola via, avvoltoio, vola via:
nella limpida corrente
ora scendon carpe e trote,
non più i corpi dei soldati
che la fanno insanguinar"
.
Dove vola I'avvoltoio?
Avvoltoio, vola via,
vola via dalla terra mia
che è la terra dell'amor.

L'avvoltoio andò dal bosco
ed il bosco disse: "No,
avvoltoio, vola via, avvoltoio, vola via:
tra le foglie, in mezzo ai rami
passan sol raggi di sole,
gli scoiattoli e le rane;
non più i colpi del fucil".

Dove vola I'avvoltoio?
Avvoltoio, vola via,
vola via dalla terra mia
che è la terra dell'amor.

L'avvoltoio andò dall'eco,
anche l'eco disse: "No,
avvoltoio, vola via, avvoltoio, vola via:
sono canti che io porto,
sono i tonfi delle zappe,
girotondi e ninne-nanne,
non più il rombo del cannon".

Dove vola I'avvoltoio?
Avvoltoio, vola via,
vola via dalla terra mia
che è la terra dell'amor.

L'avvoltoio andò ai tedeschi
e i tedeschi disser: "No,
avvoltoio, vola via, avvoltoio, vola via:
non vogliam mangiar più fango,
odio e piombo nelle guerre,
pane e case in terra altrui
non vogliamo più rubar"
.
Dove vola I'avvoltoio?
Avvoltoio, vola via,
vola via dalla terra mia
che è la terra dell'amor.

L'avvoltoio andò alla madre
e la madre disse: "No,
avvoltoio, vola via, avvoltoio, vola via:
i miei figli li dò solo
a una bella fidanzata
che li porti nel suo letto,
non li mando più a ammazzar".

Dove vola I'avvoltoio?
Avvoltoio, vola via,
vola via dalla terra mia
che è la terra dell'amor.

L'avvoltoio andò all'uranio
e I'uranio disse: "No,
avvoltoio, vola via, avvoltoio, vola via:
la mia forza nucleare
farà andare sulla luna,
non deflagrerà infuocata
distruggendo le città".

Dove vola I'avvoltoio?
Avvoltoio, vola via,
vola via dalla terra mia
che è la terra dell'amor.

Ma chi delle guerre quel giorno aveva il rimpianto
in un luogo deserto a complotto si radunò
e vide nel cielo arrivare girando quel branco
e scendere scendere, finché qualcuno gridò:

Dove vola l'avvoltoio?
avvoltoio, vola via,
vola via dalla testa mia...
ma il rapace li sbranò.


   
Testo di Italo Calvino, musica di Sergio Liberovici, scritta nel marzo 1958. È una delle più conosciute canzoni dei Cantacronache, un gruppo di ricercatori, studiosi e autori di canzoni, attivo a Torino a cavallo fra gli anni cinquanta e sessanta.
La riedizione in quattro LP di gran parte dei materiali dei Cantacronache è uno dei meriti non secondari della collana Albatros, della Vedette, diretta da Roberto Leydi.
Dove vola l'avvoltoio? si può ascoltare in Cantacronache 2 (esecutore Pietro Buttarelli) e anche in Ogni giorno tatti i giorni, 13 canzoni di Sergio Libetovici (Dischi del Sole), esecutori S. Liberovici, F, Amodei, M.L. Straniero, G. De Maria, E. Jona.


VEDI ANCHE . . .

LA RESISTENZA, LA RICOSTRUZIONE - Canzoni italiane di protesta





Sta.......................



Nessun commento: