venerdì 13 novembre 2015

O VENEZIA - Canzone contro la guerra (Song against war)

  
O VENEZIA

O Venezia che sei la più bella
e di Mantova tu sei la più forte:
gira l'acqua intorno alle porte, 
sarà difficile poterla pigliar 

gira l'acqua intorno alle porte, 
sarà difficile poterla pigliar. 

Un bel giorno, entrando in Venezia,
tutto il sangue scorreva per terra,
i soldati sul campo di guerra
e tutto il popolo gridava pietà

i soldati sul campo di guerra
e tutto il popolo gridava pietà.

O Venezia, ti vuoi maritare?
per marito ti daremo Ancona,
per corredo le chiavi di Roma 
e per anello le onde del mar 

per corredo le chiavi di Roma 
e per anello le onde del mar. 



 
Entrata stabilmente nel repertorio delle mondine, alcuni riferimenti del testo sembrano riportarla all'epoca della Repubblica veneta del 1848-49. 
Cantata su una melodia molto vicina alle 'arie' da melodramma, ha conosciuto una larga diffusione nell'Italia centro-settentrionale; qualche volta sulla sua musica sono state adattate anche strofette riprese da altre canzoni; Giovanna Marini, che ha assunto O Venezia nel suo repertorio, riferisce I'esempio della famosa strofa di O Gorizia, tu sei maledetta che comincia "Traditori signori ufficiali".
Ce n'è una bella edizione discografica nell'esecuzione originale di Giovanna Daffini e Vittorio Carpi (Una voce, un paese, Dischi del Sole). 
Meno interessante, ma anche piacevole, l'interpretazione del Duo di Piadena (Delio Chittò e Amedeo Merli) in Aria di casa nostra
Ottima quella del più recente I Mondarisi.


VEDI ANCHE . . .

DALL’ETÀ NAPOLEONICA, LA RESTAURAZIONE, IL RISORGIMENTO - Canzoni di protesta







Sta.........................


Nessun commento: