venerdì 6 febbraio 2015

STRUMENTI MUSICALI - IL TAMBURO (Musical Instruments - Drums)




       
TAMBURI

I tamburi, tra gli elementi più importanti della famiglia delle percussioni, sono strumenti di antichissima concezione. Erano usati in guerra dai Greci e da molte popolazioni antiche. 
Di solito suonati in coppia, furono importati nel XIII secolo in Europa, con trombe e cornamuse, grazie alle crociate. Dai campi di battaglia arrivarono ai complessi di corte; dal secolo XVII fanno parte dell'orchestra.

A differenza dei timpani, la grancassa non può essere accordata ad altezze specifiche.
È il tamburo più grande nell'orchestra, e per i suoi effetti ritmici diventò molto popolare tra i compositori romantici. 
La grancassa più larga disponibile è per tradizione usata nelle esecuzioni del Requiem di Verdi.

Il musicista francese Lully fu uno dei primi a usare i timpani in una orchestra; il suo mecenate, Luigi XIV, aveva un suo timpanista personale. 
Haydn suonava i timpani e li inserì nelle sue sinfonie, così come Mozart e Beethoven. 
In epoca moderna i timpani sono stati protagonisti di concerti e di lavori solistici. 
Con la nascita del jazz, all'inizio del secolo XX, crebbe l'attenzione verso la ritmica: Gene Krupa fu il primo a eseguire e a sviluppare parti soliste per batteria. 
La grande percussionista contemporanea Evelyn Glennie ha permesso alla batteria di raggiungere vette ancora più elevate, fino a esibirsi con orchestre sinfoniche.


LA FAMIGLIA DEI TAMBURI




  
LA TECNICA


Le bacchette vanno tenute in orizzontale rispetto allo strumento (in alto), alternando la mano destra e la sinistra, colpo dopo colpo. Per suonare, la bacchetta nella mano sinistra è orientata all'interno (sotto).



I crescendo si ottengono percuotendo la pelle ai bordi per poi spostarsi verso il centro.
La vibrazione dello strumento può essere smorzata toccando la pelle con le dita o con i palmi (in basso).




  
ESTENSIONE DEI TIMPANI (Tipica, per una coppia)

NOTA PIÙ ALTA

Piccolo: Fa, mezza ottava sotto al Do centrale

Grande: Do, un'ottava sotto il Do centrale


NOTA PIÙ BASSA

Piccolo: Si bemolle, una ottava e mezza sotto al Do centrale.
Grand€e: Fa, una ottava e mezza sotto al Do centrale


POSIZIONE NELL'ORCHESTRA


I timpani, almeno una coppia e accordati diversamente, sono alle spalle dell'orchestra, insieme alle altre percussioni.




Nessun commento: