sabato 11 ottobre 2014

L'OLANDESE VOLANTE - Richard Wagner (Der Fliegende Holländer - The Flying Dutchman)


  
L'OLANDESE VOLANTE
Der Fliegende Holländer 

Lingua originale - Tedesco
Musica - Richard Wagner
Libretto - Richard Wagner
Tre Atti
Epoca di composizione - 1840-1841
Prima rappresentazione - 2 gennaio 1843
Teatro - Dresda, Semperoper
Prima rappresentazione italiana - 14 novembre 1877
Teatro - Bologna, Teatro Comunale

Personaggi

L'olandese (basso-baritono)
Daland, marinaio norvegese (basso)
Senta, sua figlia (soprano)
Erik, cacciatore (tenore)
Mary, nutrice di Senta (contralto)
Marinaio di Daland (tenore)
Marinai, giovani donne


L'Olandese Volante fu l'opera in cui Wagner trovò una propria identità creativa. Molte delle idee e delle tecniche dei suoi lavori successivi furono sperimentate qui per la prima volta. 
L'opera si ispirava alla leggenda del comandante (l'olandese volante) vittima di una maledizione che lo condannava a navigare per sempre con il suo vascello fantasma e il suo equipaggio finché una donna non lo avesse redento. Solo una volta ogni sette anni egli poteva scendere dalla nave per cercarla.





Morte e redenzione

Il pericoloso viaggio che Wagner affrontò nel 1839 da Riga a Parigi, passando per Londra, è rivissuto attraverso le battute iniziali della ouverture rappresentata nel 1843. 
Il soffio e la furia del vento e delle onde si intrecciano al richiamo dell'Olandese (precoce esempio di quella che sarà la formulazione del tema ricorrente di Wagner). 
La musica accenna ad alcuni dei temi principali dell'opera, che anticipano la tragedia che vivrà la salvatrice dell'Olandese. 
Il triste Coro dei Marinai è cantato dall'equipaggio del comandante norvegese Dalando, la cui figlia Senta è ossessionata dalla leggenda. È lei la donna destinata a liberare l'Olandese dalla maledizione. 

Nessun commento: