giovedì 23 ottobre 2014

IL BARBIERE DI SIVIGLIA (The Barber of Seville) - Gioachino Rossini




IL BARBIERE DI SIVIGLIA 
Titolo originale - Almaviva o sia L'inutile precauzione
Lingua originale - Italiano
Genere - Opera buffa
Musica - Gioacchino Rossini
Libretto - Cesare Sterbini
Fonti letterarie - Le Barbier de Séville ou la Précaution inutile di Pierre-Augustin Caron de Beaumarchais
DUE ATTI
Prima rappresentazione - 20 febbraio 1816 - Teatro Argentina, Roma

Personaggi

Il Conte d'Almaviva (tenore)
Don Bartolo, dottore in medicina, tutore di Rosina (basso buffo)
Rosina (contralto, a volte trasposto per soprano)
Figaro, barbiere (baritono)
Don Basilio, maestro di musica di Rosina, ipocrita (basso)
Berta vecchia governante in casa di Bartolo (soprano o mezzosoprano)
Fiorello, servitore di Almaviva (basso)
Ambrogio, servitore di Bartolo
un ufficiale, un alcalde, o Magistrato
un notaro
Alguazils, o siano Agenti di polizia
soldati; suonatori di istromenti


Il Barbiere di Siviglia è l'opera più amata di Gioachino Rossini, ma la prima fu una delle piìù burrascose rappresentazioni del teatro italiano. Molti incidenti accaddero durante
l'esibizione: al compositore, mentre dirigeva gli orchestrali, saltarono i bottoni dorati che chiudevano il panciotto; i sostenitori di Paisiello, che aveva composto un'opera con lo stesso titolo, tentarono di sabotare lo spettacolo disturbandolo in continuazione.
Don Basilio cantò le sue arie con il naso sanguinante essendo caduto sul palcoscenico; al Conte di Almaviva, che doveva eseguire la serenata si ruppe una corda della chitarra e un gatto randagio si mise a gironzolare sul palcoscenico suscitando un putiferio. 
Nonostante tutto ciò, dalla rappresentazione successiva l'opera fu un trionfo. 

Ouverture



Largo al factotum


La storia è tratta dalla commedia di Beaumarchais, il cui protagonista è un barbiere di nome Figaro. L'ideale rivoluzionario, personificato da un borghese, era stato già portato sulla scena da Mozart ne Le nozze di Figaro.
Ma l'opera di Rossini è quasi l'antefatto del capolavoro mozartiano. Figaro è il factotum, sempre pronto a creare trame e colpi di scena come nella commedia dell'arte, specie se l'amore deve trionfare. La giovane Rosina è innamorata del Conte di Almaviva, ma il suo anziano tutore Don Bartolo vuole sposarla, così la coppia si rivolge a Figaro per ottenere l'aiuto. 
L'Ouverture anticipa la vivacità della storia. 
Nell'aria Largo al factotum Figaro dice di essere il barbiere, parrucchiere e cerusico della città, al servizio di tutti, per servire la sua clientela e che 'vita più nobile, no, non si dà'.





Sta...............

Nessun commento: