mercoledì 18 giugno 2014

TANTO PE' CANTA' - Alvaro Amici (Testo e video)



Alvaro Amici (Roma, 21 febbraio 1936 – Roma, 25 febbraio 2003) è stato un cantante italiano esponente della tradizione canora romana di stornelli
Ha cominciato la carriera come posteggiatore nei ristoranti caratteristici di Trastevere. Stornellatore a voce piena, dai toni meno nobili di Claudio Villa, negli anni Sessanta ha conosciuto vastissima popolarità con una serie di album di canzoni a doppio senso, della migliore tradizione popolare romana, incisi per la Vis Radio. 


TANTO PE' CANTA'

È 'na canzone senza titolo,
tanto pe' cantà,
pe' fà quarche cosa...
nun è gnente de straordinario
è robba der paese nostro,
che se pò cantà puro senza voce...
basta 'a salute...
quanno c'è 'a salute c'è tutto...
basta 'a salute e 'n par de scarpe nove
pòi girà tutt'er monno...
e m'accompagno da me...

Pe' fa la vita meno amara
me so comprato 'sta chitara,
e quann'er sole scende e more
me sento 'n còre cantatore.
La voce è poca ma 'ntonata,
nun serve a fà la serenata,
ma solamente a fà in magnera
de famme un sogno a prima sera.

Tanto pe' cantà,
perché me sento 'n friccico ner còre,
tanto pe' sognà,
perché ner petto me ce naschi 'n fiore.
fiore de lillà
che m'ariporti verso er primo amore,
che sospirava le canzone mie,
e m'arintontoniva de bugìe.

Canzoni belle e appassionate
che Roma mia m'ha ricordate,
cantate solo pe' dispetto,
ma co 'na smania drent'ar petto;
io nun ve canto a voce piena,
ma tutta l'anima è serena;
e quanno er cèlo se scolora
de me nessuna se 'nnamora.

Tanto pe' cantà,
perché me sento 'n friccico ner còre,
tanto pe' sognà,
perché ner petto me ce naschi 'n fiore.
fiore de lillà
che m'ariporti verso er primo amore,
che sospirava le canzone mie,
e m'arintontoniva de bugìe.


O Roma de mi madre (FonitCetra)
Tanto pe' cantà (Up)
Vecchia Roma (Soar, 1968)
Una gita a li Castelli (Joker, 1972)
Roma canta (Fonit Cetra)
Er core de Roma (Joker, 1972)
Carrozzella romana (Joker, 1972).

Nessun commento: