venerdì 20 giugno 2014

PETRUSCHKA (Petruška, Pétrouchka) - Igor Stravinskij



    
Petruška, Pétrouchka o Petrushka, è il titolo di un balletto su musiche del compositore russo Igor Fëdorovič Stravinskij. Fu uno dei primi balletti fra quelli creati dal coreografo Michel Fokine.

PETRUSCHKA 
 Igor Stravinskij

L'opera è divisa in quattro parti con le seguenti scene:

Parte I
Festa popolare della settimana grassa

Introduzione

La bancarella del ciarlatano
Danza Russa

Parte II
La stanza di Petruška

Parte III
La stanza del Moro
La stanza del Moro
Danza della Ballerina
Valzer - La Ballerina e il Moro

Parte IV
Festa popolare della settimana grassa (sera)
Danza delle balie
Il contadino con l'orso
Il mercante gioviale con le due zingare
Danza dei carrettieri e degli stallieri
Le maschere
La lotta del Moro con Petruška
Morte di Petruška
Comparsa del fantasma di Petruška.




     
Petruschka il secondo grande balletto che Stravinskij scrisse per Diaghilev, debuttò a Parigi nel 1911, con il celebre ballerino Nijinsky nel ruolo del protagonista. Le musiche di questo balletto rappresentano una evoluzione rispetto a quelle de L'uccello di fuoco: la partitura è molto più originale e densa di citazioni tratte dalle danze e dai canti popolari russi. 
Questo nuovo realismo coinvolge anche il personaggio di Petruschka ('Pierino'), la marionetta tradizionale russa che prova sentimenti umani che non riesce ad esprimere: è una dimensione psicologica nuova nel mondo del balletto. 

L'opera si apre con La festa popolare della settimana gassa. Al ritmo del tamburo e del flauto, un ciarlatano invita la folla allo spettacolo nel quale tre marionette (Petruschka, la Ballerina e il Moro) si esibiscono in una vivace ed animata Danza russa
Lontano dalla folla, Nella stanza di Petruschka la povera marionetta si tormenta a causa del suo amore per la Ballerina, come sottolinea la musica sospesa tra pathos malinconico e rabbia impotente. 
Nel  Valzer il Moro danza goffamente con la Ballerina, quando ad un tratto irrompe Petruschka pazzo di gelosia.
Il Moro assale Petruschka a colpi di scimitarra, mentre il balletto si avivia alla conclusione con il fantasma di Petruschka che si prende gioco della folla.


Nessun commento: