mercoledì 28 maggio 2014

LETTERA IN TERZINA AL FRATELLO DALLA LOMBARDIA - Canzone sarda




LETTERA IN TERZINA AL FRATELLO DALLA LOMBARDIA

Testo di Peppino Marotto, su modulo tradizionale barbaricino. 
Incisa dall'autore (accompagnato da un coro composto da Umberto Goddi, Sebastiano Piras e Pasquale Marotto)


Caru vrade, decisu a di mandare
custu iscrittu mi so', in sarda rima,
ca mi piaghe goi a cunversare;

cunfirmende s'affettu cun s'istima,
chi pro te restan vìvasa e gelòsasa
in coro meu comente a prima;

ti naro puru sas àteras còsasa
comente si presèntana pro mie
in custas terràs fèrtiles famòsasa;

sa neuledda, s'àstrau e sa nie
paren naschìdas in sa val padana
e bi dimoran su notte e su die;

su restu puru est pius tramuntana
chi non tempus amenu de beranu;
tribagliu meda ma paga mezzana,

ma non m'ispanta, pro cantu so sanu.
su tribagliu, su vrittu e carestia,
cantu m'ispanta su viver lontanu

dae sa tanta caa hidda mia,
ca I'isco turmentada e bisonzosa
de progressu, de paghe e d'armonia:

podiad abundare de ogni cosa
s'esséra piur bene coltivada,
ca er fiera, vorte e generosà;

però er de continu rastrellada
de sa gendarmeria cun fusìlese,
che selva dae belvas infestada;

e I'accumpanzan sos canes runzìlese,
zegor da su viagu de sa taglia,
chi turméntana domos e cuìlese;

si nun si pone frenu a sa canaglia,
istabilinde un ordine severu,
nos hada a divorare s'isbirraglia;

ma pro cantu b'est custu ministeru
disordinadu, ipocrita e ingiustu,
hamus a biver in su disisperu;

mamas terrorizadas de s'assustu,
cando hìdene vinas su zilleri
sae su mitra de sàmbene infustu,

e i so vizu mortu o presoneri,
disoccupadu, emigradu o bandidu,
uspione, ladrone o banduleri,

hàndana a missa cun coru affligìdu
e invece de protesrare prègana
a sos ch'han d'ogni male isrituidu;

sas preghieras cadéna non ségana,
sos prides in su dolu vaghen festa,
ca sos mòrtoso ispùlpana e inzégana;

dilaga sa perfidia vunesta
e sos corbos de s'altare cròana
a su riparu dae sa tempesta:

lassan sas iras chi sàmbene pròana
de sos disisperados in turmentu,
hastes ch'ùndasa c'le populu non mòana

pro che tazzare dae vundamentu
s'oscurantismu de sa religione
e su sistema de s'isfruttamentu.

Su guvernu centrale e sa regione
nos han custrintu che fizos bastàrdoso
a emigrare in d'ogni nazione.

Sune emigrende sos poveros sàrdoso
pro su bisonzu, e sos continentàlese,
e sos riccos emìgrana miliàrdoso.

lsciòperan privàdoso, istatàlese,
fabbricas, ferrovias, minièrasa,
offcìnasa, iscòlasa, ospidàlese;

e non servin sos modos e manèrasa
chi sune usende cun sos nenniànoso
pro virmare sas ùndasa e bufèrasa.

Vinas sos ischiàvoso africànoso
mustran sas dentes cun sa vronte buja
a sos inglesos e americànoso;

innalzende sa bandiera ruja,
ismentighende su credo de Allah,
pro su marxismu cantano s'alleluia

e su Te Deum a s'imperu 'e su "scià";
ca pro si liberare e si redìmere
invòcana a Nasser e Ben Bellà.

E sos yankees comìnzana a tìmmere
su motu de s'America Latina
chi Fidel Castro bene ischidi esprimere:

in Messico, in Brasile, in Argentina,
Venezuela, Panama e Honduras
gridan: Viva sa Russia e sa Cina!

E non si salvan prus sas dittatùrasa
de Portogallo, Grecia e d'I'spagna,
mancari chi lis féttana puntùrasa;

de liberazione sa campagna
suni vattende Glezos e Galvao,
cun Ibarruri sa prode cumpagna.

In Asia sas massimas de Mau,
cun massimo rigore leninista
adòttana Ho-ci-min e Pathet-Lau.

Su clericale e su capitalista
hana vattu de su nostru guvernu
de canes e de còrboso una Pista;

e cando prégana a su babbu eternu
no invòcana pane a sos famìdoso
ma vorza a su ministru de s'internu,

Nois sighìmusa a marciare unìdoso,
de Carlo Marx in su giustu camminu,
vinas chi sos iscoglios sun finìdoso;
semper fidele ti resta Peppinu.

Traduzione

Caro fratello, mi sono deciso a mandarti questo scritto in sarda rima perché così mi piace di parlarti, confermando I'affetto e la stima che per te restano vive e gelose nel mio cuore, come erano prima. 
Ti parlo pure delle altre cose, così come esse mi si presentano, in queste terre fertili famose: la nebbia, il gelo e la neve sembrano nati nella val padana e vi dimorano notte e giorno; e anche il resto è più tramontana che tempo ameno di primavera. 
C'è molto lavoro ma la paga è scarsa; pure, non mi spaventa - finché sto sano - il lavoro, né il freddo e la carestia, quanto mi spaventa il vivere lontano dalla tanto cara terra mia, perché la so tormentata e bisognosa di progresso, di pace e d'armonia. 
Potrebbe abbondare d'ogni cosa se fosse meglio coltivata, perché è fiera, forte e generosa; però è di frequente rastrellata dai gendarmi con i fucili, come selva di belve infestata; li accompagnano i cani rognosi, accecati dall'odore della taglia, che tormentano case e ovili. 
Se non si mette freno alla canaglia stabilendo un ordine severo, ci divorerà tutti la sbirraglia; ma fin quando c'è questo mistero disordinato, ipocrita ed ingiusto, vivremo sempre nella disperazione: madri terrorizzate dallo spavento, quando vedono persino I'osteria dal mitra di sangue bagnata; e il figlio morto o prigioniero, disoccupato, emigrato o bandito, spione, ladro o vagabondo; vanno in chiesa col cuore affranto e, invece di protestate, pregano quelli che hanno ogni male istituito. 
Le preghiere catene non spezzano: i preti nel dolore fanno festa perché i motti spolpano e accecano; dilaga la perfidia funesta e i corvi dall'altare gracchiano al riparo da ogni tempesta; ignorano le ire che sangue grondano dei disperati in tormento, purché ondate di popolo non muovano a trascinare dalle fondamenta I'oscurantismo della religione e il sistema di sfruttamento. 
Il governo centrale e la regione ci han costretti come figli bastardi a emigrare in ogni nazione.
Stanno andando all'estero i poveri sardi, per il bisogno, e pure i continentali, mentre i ricchi all'estero mandano miliardi. 
Scioperano privati e statali, fabbriche, ferrovie e miniere, officine, scuole e ospedali; e non servono i modi e le maniere che stanno usando con i nenniani per fermare le ondate e le bufere. 
Persino gli schiavi africani mostrano i denti e la fronte scura agli inglesi e agli americani; innalzando la bandiera rossa, dimenticando il credo di Allah, per il marxismo cantano I'alleluia e il Te Deum contro l'impero dello "scià", perché per liberarsi
e redimersi invocano Nasser e Ben Bellà. 
Pure gli yankee cominciano a temere il movimento dell'America Latina, che Fidel Castro bene sa esprimere; in Messico, in Brasile, in Argentina, Venezuela, Panama ed  Honduras gridano: Viva la Russia e viva la Cina! 
E non si salvano più le dittature di Portogallo, Grecia e Spagna, anche se le sostengono a punture; di liberazione la campagna stanno facendo Glezos e Galvao con Ibarruri, la prode compagna. 
In Asia le massime di Mao, con massimo rigore leninista, adottano Ho-ci-min e il Pathet Lao. 
Il clericale ed il capitalista hanno fatto del nostro governo di cani e di corvi una pista; e quando pregano il padreterno non invocano pane per gli affamati, ma forza per il ministero dell'interno. 
Noi continuiamo a marciare uniti, di Carlo Marx nel giusto cammino, fino a quando gli scogli saranno finiti. 
Sempre fedele ti resta Peppino.








Nessun commento: