mercoledì 28 maggio 2014

GUANTANAMERA - Joan Baez (Testo , traduzione e video)



Guantanamera è la celeberrima ballata popolare contro una base americana a Cuba, portata al successo al principio degli anni '60 da Pete Seeger. 
Delle innumerevoli versioni del pezzo (alcune singolari e audaci, come quella recente di Robert Wyatt), questa può dirsi "tipica": Joan canta con forza e determinazione, senza colori di troppo, mettendo in conto che la melodia è ormai assurta al rango di un inno folk da tutti conosciuto.



GUANTANAMERA
Dai versi di José Martí [1890]
Collage di versi definitivo di Julián Orbón
Probabile stesura musicale definitiva di Héctor Ángulo [1950]
Interpretata per prima da Joseíto Fernández [1932]

Yo soy un hombre sincero 
de donde crescen las palmas,

Yo soy un hombre sincero 
de donde crescen las palmas,
y antes de morir me quiero
echar my versos de l'alma. 

Guantanamera, guajira, Guantanamera...
Guantanamera guajira, Guantanamera, 

My verso es de un verde claro 
y de un carmin encendido,
my verso es un ciervo herido 
que busqua en el monte amparo. 

Guantanamera, guajira, Guantanamera...
Guantanamera guajira, Guantanamera.

Cultivo una rosa blanca
en Julio como en Enero
para el amigo sincero
que me da su mano franca.

Guantanamera, guajira Guantanamera
Guantanamera, guajira Guantanamera.

Y para el cruel que me arranca
el corazón con que vivo
cardo ni urtiga cultivo
cultivo la rosa blanca.

Guantanamera, guajira Guantanamera
Guantanamera, guajira Guantanamera.

Yo sé de un pesar profundo
entre las penas sin nombres
la esclavidad de los hombres
es la gran pena del mundo!

Guantanamera, guajira Guantanamera
Guantanamera, guajira Guantanamera.

Con los pobres de la tierra
quiero yo mi suerte echar
con los pobres de la tierra
quiero yo mi suerte echar
el arroyo de la sierra
me complace más que el mar.

Guantanamera, guajira Guantanamera

Guantanamera, guajira Guantanamera




GUANTANAMERA 
(traduzione)

Io sono un uomo sincero
di dove cresce la palma

Io sono un uomo sincero
di dove cresce la palma,
e voglio, prima di morire
dall’anima far uscire i miei versi.

Guantanamera, guajira Guantanamera
Guantanamera, guajira Guantanamera.

Il mio verso è di un verde chiaro
ed è di un carminio acceso
il mio verso è un cervo ferito
che nel bosco cerca riparo.

Guantanamera, guajira Guantanamera
Guantanamera, guajira Guantanamera.

Coltivo una rosa bianca
a luglio come a gennaio
per l’amico sincero
che mi dà la sua mano franca.

Guantanamera, guajira Guantanamera
Guantanamera, guajira Guantanamera.

E per il crudele che mi strappa
il cuore con cui vivo
né cardo né ortica coltivo
coltivo la rosa bianca.

Guantanamera, guajira Guantanamera
Guantanamera, guajira Guantanamera.

Io so di un dolore profondo
fra le pene senza nome
la schiavitù degli uomini
è la gran pena del mondo.

Guantanamera, guajira Guantanamera
Guantanamera, guajira Guantanamera.

Ai poveri della terra
voglio unire il mio destino
il ruscello del monte
mi piace più del mare
il ruscello del monte
mi piace più del mare.

Guantanamera, guajira Guantanamera
Guantanamera, guajira Guantanamera.

Nessun commento: