mercoledì 19 marzo 2014

R - GLOSSARIO DEI TERMINI MUSICALI (R - Glossary of Musical Terms)






GLOSSARIO DEI TERMINI MUSICALI

A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P Q R - S - T - U - V - X - Z


RACCOLTAInsieme di canzoni o musiche raggruppate in un determinato ordine per la loro esecuzione.

RADDOPPIO - In armonia il termine si riferisce alla ripetizione simultanea all'unisono o all'ottava di uno dei suoni che costituiscono un accordo. Nella pratica strumentale e vocale per raddoppio di intende la duplicazione (sempre simultanea) di un suono o di una melodia all'unisono o a distanza di una o più ottave.

RAGANELLA - Strumento a percussione formato da una ruota dentata di legno. montata su un perno che serve da manico e inserita in un telaio girevole. Agitando il manico la ruota gira, strisciando i denti contro una lamina di legno o metallo e producendo il caratteristico suono stridente, simile al gracidio delle rane (da cui il nome).

RAGTIME - Genere musicale diffuso in America dalla fine del secolo XIX.
Precursore del jazz, è caratterizzato dalla presenza del pianoforte e da una elaborazione sincopata di musiche europee (ad esempio marcequadriglie, etc.) insieme alla musica nera statunitense.
L'esecuzione era effettuata con la mano sinistra a tempo di marcia, mentre la destra realizzava un ritmo sincopato e fortemente accentato. 
Fra i compositori di ragtimesi ricordano S. Joplin, J. R. Robinson e tra i jazzisti che più ne subirono l'influenza F. 'Jelly Roll' Morton e T. 'Fats' Waller.

RALLENTANDOIndicazione che la velocità di esecuzione del brano deve essere progressivamente diminuita. Normalmente si tratta di una breve parentesi, cui farà seguito una ripresa più veloce del ritmo.

RAPSODIA - Termine che descrive una composizione vocale o strumentale, diffusa nel periodo romantico, articolata in un solo movimento, formalmente indefinita e di carattere virtuosistico e coloristico. 
Celebri sono le 19 Rapsodie ungheresi di Liszt e la Raspodia in blu di Gershwin.

RASGUEADO (dallo spagnolo,'strimpellare') -  Modo di suonare la chitarra che prevede lo strofinamento veloce delle corde, al contrario del punteado, nel quale le corde vengono  pizzicate.

RECITAL - Esibizione musicale di solisti o di un piccolo gruppo da camera.


RECITAR CANTANDO - Stile di canto attento al valore espressivo della parola e aritmicamente modellato sulla sua  inflessione naturale, come appunto nella recitazione. 

RECITATIVO - Stile di canto che cerca di riprodurre, in modo intonato, il ritmo e i contenuti poetici ed espressivi di un testo.
Nato in Italia nel periodo umanistico, si è evoluto in età rinascimentale ad opera dei musicisti della Camerata Fiorentina.
È caratterizzato da due elementi: ritmo libero e irregolare, modellato sulla lingua parlata e indipendente dalle norme di equilibrio e simmetria (che normalmente definiscono la costruzione della frase musicale), e libero adattamento della musica al testo senza la creazione di una struttura formale.

REEL - Antica danza di origine celtica dal ritmo veloce e binario, per due o più coppie disposte in circolo, assai comune in Scozia e Irlanda, ma frequente anche nel Nord America (Virginia) e in Scandìnavia.

REFRAIN - Termine inglese per ritornello. Ripetizione di una identica frase musicale nell'ambito di una composizione.

REGISTRO -  Il termine descrive l'estensione della voce o di uno strumento.
Nella voce troviamo i seguenti registri: soprano, mezzosopranocontralto, tenorebaritono e basso.

RÈJOUISSANCE - Breve brano strumentale dal carattere allegro e vivace.

RELATIVO - Termine indicato per indicare i rapporti di connessione tra scale e tonalità. In particolare nell'ambito del sistema diatonico, due toni, l'uno maggiore e l'altro minore, si dicono relativi quando presentano in armatura di chiave le stesse alterazioni. Inoltre si dicono tonalità relative (o tonalità vicine) di una tonalità base, le tonalità maggiori poste una quinta sopra o una quinta sotto la sua tonica, oppure le tonalità minori poste una quinta sopra o una quinta sotto la tonica della relativa minore

REQUIEM - Espressione latina con cui ha inizio l’ufficio dei morti nel rito cattolico; per estensione, indica il  ciclo dei canti della messa funebre cattolica.

RICERCARE - Brano strumentale nato nel Cinquecento di forma libera, originato dalla ricerca del compositore sulle possibilità tecniche e timbriche di uno strumento oppure sull'elaborazione contrappuntistica di un determinato motivo.
Originariamente per liuto, si estese agli strumenti ad arcoall'organo, fino a complessi strumentali di varia natura.

RIFF - Breve frase musicale nella musica jazz o blues che trae origine dai canti di lavoro o religiosi dei neri americani.

RIGAUDON - Danza provenzale di andamento vivace in tempo binario.

RIGO - Termine con cui si indica il sistema di cinque linee (pentagramma) utilizzato per la scrittura delle note musicali. 

RIPRESA - Sezione di un brano musicale caratterizzata dal ritorno a un tema precedentemente sviluppato.

RISOLUZIONE - Passaggio da un accordo dissonante a un accordo consonante che consiste nel movimento melodico dalla dissonanza alla consonanza.
Scopo della risoluzione è quello di "risolvere" la tensione delle note dissonanti di un accordo su quelle consonanti del successivo. Una risoluzione si dice evitata quando un accordo dissonante è seguito da un altro accordo dissonante il quale a sua volta deve essere "risolto".

RISPOSTA - Frase musicale che sembra rispondere ad un'altra.
Particolarmente usata nella fuga, dove la prima apparizione del tema viene detta soggetto e la seconda risposta.

RITARDANDO - Sinonimo di rallentando.

RITMO - Schema delle pulsazioni contenute in una battuta o in una frase.

RITORNELLO - Parte di una composizione vocale, soprattutto nella canzone moderna, con melodia orecchiabile che intercala in modo ripetitivo le varie strofe.
Oppure indicazione per il musicista della ripetizione della sezione di una composizione musicale.

RITORTA - Negli strumenti a fiato, come i corni e le trombe, indica la parte del canneggio estraibile. 
Era realizzata in diverse misure, così da consentire varie intonazioni modificando la lunghezza dello strumento. Oggi, al posto della ritorta, si usano le valvole.

RIVOLTO - Intervallo tra due note che si presenta rovesciato rispetto a quello di partenza: il suono che prima era grave ora è acuto o viceversa.

ROCK & ROLL - Genere di musica popolare caratterizzato dall'uso di voce e chitarra elettricache deriva dalla musica blues americana.
Si diffuse in Europa intorno al 1955.
Protagonisti di questa musica furono Bill Haley, Chuck Berry e Elvis Presley.

ROMANZA -  Composizione vocale di carattere sentimentale con accompagnamento strumentale (spesso di pianoforte).
Nell'Ottocento il termine sostituisce frequentemente quello di Aria. Famose le Romanze senza parole di Mendelssohn.

RONDEAU - Genere di chanson a struttura metrica fissa diffuso in Francia a partire dal XIV secolo.

RONDÒ - Forma musicale, in cui al tema principale si alternano temi contrastanti o altri episodi musicali. Rondò deriva dall'antico rondeau francese, "girotondo", in cui un tema  principale (ritornello) si alterna con altri tempi secondari (strofe). 

ROTA - Composizione polifonica medievale a più voci non accompagnate, in ciascuna voce intona distanza di tempo la stessa melodia all'unisono o ad altezza prestabilita creando appunto una 'ruota' non viene mai chiusa.

ROVESCIO - Termine utilizzato per indicare una sezione che è eseguita al contrario rispetto all'originale, o per indicare un passaggio melodico in cui gli intervalli ascendenti diventano discendenti e viceversa.

RULLO - Successione rapida di colpi di timpano o di tamburo, talmente veloci che il  suono risulta ininterrotto.

RUMBA - Danza cubana dalla forte caratterizzazione ritmica, assai diffusa nella sale da ballo europee e americane negli anni Trenta.

RUOLO VOCALE -Con questa espressione si indica il tipo di voce a cui è destinata una determinata parte vocale.
Procedendo dall'acuto al grave si ricordano: soprano, mezzosoprano, contralto; tenore, baritono, basso.
Con attenzione al colore della voce e della tecnica vocale si distingue un "soprano leggero" (rivolto all'acuto e particolarmente agile), "un soprano drammatico"( di grande forza anche nei registri medi e bassi) e un "soprano lirico"(di timbro chiaro ma di grande estensione e forza verso l'acuto).


VEDI ANCHE . . .


Nessun commento: