sabato 28 settembre 2013

LA MIA PATRIA (Má vlast - My Country) - Bedřich Smetana



Il_linguaggio musicale ceco dell'Ottocento deve molto a  Bedřich Smetana, che attraverso le sue opere riuscì a creare una musica nazionale in una popolazione culturalmente e politicamente subordinata agli Asburgo.

Sebbene Praga fosse da tempo uno dei centri della musica europea, nelle grandi capitali culturali come Vienna e Salisburgo la musica ceca era poco conosciuta.
Fu proprio Smetana che portò sulla scena internazionale i suoni della Boemia.
Attingendo a melodie ispirate alla tradizione popolare e inserendole in brani destinati alle sale da concerto, contribuì a fare emergere gli aspetti più significativi del contesto musicale, trasformandolo in un valido strumento di espressione artistica. 
È difficile crederlo, ma La mia patria fu composta tra tI 1874 e il 1879, quando il compositore era già afflitto da sordità.
  
  

Viaggio sinfonico

La mia patria è una delle opere più nazionaliste di Smetana. Si narra di sei poemi sinfonici che ritraggono la vita lungo il fiume Moldava (Vltava in ceco) nel suo fluire attraverso la campagna, la città di Praga fino alla confluenza con l'Elba prima di lasciarsi alle spalle il paesaggio ceco.


In questo video....

Bedřich Smetana (1824-1884)

Má Vlast - La mia Patria

0:50 Vyšehrad
18:23 Vltava (La Moldava - The Moldau)
33:54 Šárka
45:28 Dai prati e dai boschi di Boemia (From Bohemia's woods and fields)
59:43 Tábor
73:48 Blaník

Nikolaus Harnoncourt
Royal Concertgebouw Orchestra

Concertgebouw, Amsterdam, 18 4/2010



VEDI ANCHE . . .



Nessun commento: