mercoledì 31 luglio 2013

FINLANDIA SUITE Op. 26 - Jean Sibelius (Testo originale, traduzione, commento e video)

Sibelius Memorial, Sibelius Park, Helsinki, Finlandia




 
Quando iniziò a comporre questa musica, Jean Sibelius aveva già celebrato lo spirito della sua terra in Kullervo e nelle Leggende di Lemminkäinen.
Collegata allo spettacolo teatrale "La Finlandia si desta", Finlandia era semplice patriottismo musicale che accendeva l'animo dei finlandesi e sosteneva la loro causa nel resto del mondo.
La minacciosa apertura affidata agli ottoni e ai timpani evoca la rigidità del dominio zarista; presto però la musica acquista ritmo, passando dalle cupe tonalità minori a quelle più brillanti maggiori e irrompendo infine in una marcia animata.
Un pacato interludio eseguito dai legni e dagli archi suona come una preghiera per la pace, prima che l'opera si concluda su note trionfali.
  



Finlandia op. 26 è un poema sinfonico del compositore finlandese  Jean Sibelius. 
La prima versione è stata scritta nel 1899, ed è stata rivista nel 1900. 
Il brano è stato  scritto per festeggiare l'indipendenza del Granducato di Finlandia, una protesta segreta contro la censura dall'impero russo, e raffigura episodi della storia finlandese.
La prima uscita avvenne il 2 luglio 1900 a Helsinki con la Helsinki Philharmonic Society diretta da Robert Kajanus. 


SUOMI

Oi Suomi, katso, Sinun päiväs koittaa,
yön uhka karkoitettu on jo pois,
ja aamun kiuru kirkkaudessa soittaa
kuin itse taivahan kansi sois.
Yön vallat aamun valkeus jo voittaa,
sun päiväs koittaa, oi synnyinmaa.

Oi nouse, Suomi, nosta korkealle
pääs seppälöimä suurten muistojen,
oi nouse, Suomi, näytit maailmalle
sä että karkoitit orjuuden
ja ettet taipunut sä sorron alle,
on aamus alkanut, synnyinmaa.


FINLANDIA

Oh, Finlandia, ecco, il tuo giorno sta nascendo,
la minaccia della notte è stata bandita lontano,
e l'allodola del mattino nella luminosità canta, 
come se la terra e il cielo avessero cantato. 
I poteri della notte  sono vinti dalla luce del mattino, 
Il tuo giorno è arrivato, oh patria.

Oh paese, Finlandia, solleva in alto
 la testa, avvolta in grandi ricordi. 
Oh paese, Finlandia, hai mostrato al mondo
 che hai cacciato via la schiavitù
e non ti sei piegata sotto l'oppressione.
Il tuo giorno è arrivato,  patria.







Sta..............................

martedì 16 luglio 2013

BORN TO RUN (Nati Per Correre) - Bruce Springsteen (Testo, traduzione e video)


  
Negli anni '70 Bruce Springsteen "incontra" New York: è pronto a viverla e a raccontarla, raccontandosi. Lo fa, parlando finalmente in prima persona, in quel Born To Run che gli regala il successo, la popolarità dopo anni durante i quali "spesso non avevamo i soldi per mangiare".
E' un LP duro, ruvido, ma estremamente lirico. New York, questa volta è vissuta dal di dentro, è un microcosmo a metà strada fra "Mean Stree" e "Warriors".
Bruce ne percorre le "strade di fuoco", lanciandosi nella notte dentro auto cromate, si rifugia nei "vicoli secondari" dove consuma amori teneri e disperati.
"Di giorno ci sfoghiamo lungo le strade di un effimero Sogno americano, di notte attraversiamo illusioni di gloria in macchine da suicidio... perchè vagabondi come noi sono nati per correre".


BORN TO RUN 
Bruce Springsteen

In the day we sweat it out
in the streets of a runaway American dream
at night we ride through
mansions of glory in suicide machines
sprung from cages out on highway 9
chrome wheeled, fuel injected
and steppin’ out over the line
baby, this town rips the bones from your back
it’s a death trap, it’s a suicide rap
we gotta get out while we’re young
’cause tramps like us
baby, we were born to run
Wendy let me in I wanna be your friend
I want to guard your dreams and visions
just wrap your legs ’round these velvet rims
and strap your hands across my engines
together we could break this trap
we’ll run till we drop
baby we’ll never go back
will you walk with me out on the wire
’cause baby I’m just a scared and lonely rider
but I gotta find out how it feels
I want to know if love is wild
girl I want to know if love is real
Beyond the Palace hemi-powered drones
scream down the boulevard
the girls comb their hair in rearview mirrors
and the boys try to look so hard
the amusement park rises bold and stark
kids are huddled on the beach in a mist
I wanna die with you Wendy
on the streets tonight
in an everlasting kiss
The highway’s jammed with broken heroes
on a last chance power drive
everybody’s out on the run tonight
but there’s no place left to hide
together Wendy we’ll live with the sadness
I’ll love you with all the madness in my soul
someday girl I don’t know when
we’re gonna get to that place
where we really want to go
and we’ll walk in the sun
but till then tramps like us
baby we were born to run.
   


  
NATI PER CORRERE

Di giorno ci sfoghiamo sulle strade
di un effimero sogno americano
di notte giriamo tra ville gloriose
su macchine da suicidio
usciti dalle bare di cemento verso l’autostrada 9
su ruote cromate, motori a iniezione
correndo sulla linea bianca
piccola, questa città
ti strappa le ossa dalla schiena
è una trappola mortale, un invito al suicidio
dobbiamo fuggire finché siamo giovani
perché i vagabondi come noi
tesoro, sono nati per correre
Wendy, fammi entrare, voglio essere tuo amico
voglio proteggere i tuoi sogni e le tue visioni
accavalla le gambe su questi sedili di velluto
e afferra con le mani i miei motori
insieme potremo rompere questa trappola
correremo fino a cadere, piccola
non torneremo mai indietro
camminerai con me sul filo
perché piccola, sono soltanto
un viaggiatore spaventato e solo
ma voglio sapere come ci si sente
voglio sapere se il tuo amore è selvaggio
ragazza, voglio sapere se l’amore è vero
Oltre il Palace motori a metà giri
rombano lungo il boulevard
le ragazze si aggiustano i capelli nei retrovisori
e i ragazzi provano gli sguardi da duro
il parco dei divertimenti spicca alto e solenne
i ragazzi si rannicchiano sulla spiaggia nella foschia
voglio morire con te sulla strada stanotte
in un bacio senza fine
Le autostrade sono piene di eroi distrutti
alla guida della loro ultima possibilità
sono tutti in fuga, stanotte
ma non è rimasto più nessun posto dove nascondersi
insieme Wendy possiamo sopportare la tristezza
ti amerò con tutta la pazzia della mia anima
un giorno ragazza, non so quando
arriveremo in quel posto
dove davvero vogliamo andare
e cammineremo al sole
ma fino ad allora i vagabondi come noi
sono nati per correre.
  






      
VEDI ANCHE . . .

BORN IN THE U.S.A. - Bruce Springsteen

BORN TO RUN - Bruce Springsteen

DARKNESS ON THE EDGE OF TOWN - Bruce Springsteen

ROSALITA - Bruce Springsteen





Sta......................

     

lunedì 15 luglio 2013

JUST LIKE A WOMAN (Proprio come una donna) - Bob Dylan (Testo, traduzione e video)

   
JUST LIKE A WOMAN
 Bob Dylan

Nobody feels any pain 
Tonight as I stand inside the rain 
Ev'rybody knows 
That Baby's got new clothes 
But lately I see her ribbons and her bows 
Have fallen from her curls. 
She takes just like a woman, yes, she does 
She makes love just like a woman, yes, she does 
And she aches just like a woman 
But she breaks just like a little girl. 

Queen Mary, she's my friend 
Yes, I believe I'll go see her again 
Nobody has to guess 
That Baby can't be blessed 
Till she sees finally that she's like all the rest 
With her fog, her amphetamine and her pearls. 
She takes just like a woman, yes, she does 
She makes love just like a woman, yes, she does 
And she aches just like a woman 
But she breaks just like a little girl. 

It was raining from the first 
And I was dying there of thirst 
So I came in here 
And your long-time curse hurts 
But what's worse 
Is this pain in here 
I can't stay in here 
Ain't it clear that.

I just can't fit 
Yes, I believe it's time for us to quit 
When we meet again 
Introduced as friends 
Please don't let on that you knew me when 
I was hungry and it was your world. 
Ah, you fake just like a woman, yes, you do 
You make love just like a woman, yes, you do 
Then you ache just like a woman 
But you break just like a little girl. 
  

   
PROPRIO COME UNA DONNA

Nessuno soffre stasera mentre io sto sotto la pioggia
Tutti lo sanno
Quella ragazza mi ha agganciato
Ma adesso vedo che tutti I suoi fiocchi e nastrini
sono caduti dai suoi riccioli
Lei prende proprio come una donna
Fa l’amore proprio come una donna
E soffre proprio come una donna
Ma scoppia a piangere proprio come una bambina.

La regina Maria è mia amica
Si penso che l’andrò a vedere di nuovo
Lo capiscono tutti
Quella ragazza non potrà essere contenta
Finché non capirà finalmente che è come tutti gli altri
Con il suo profumo la sua anfetamina le sue perle
Lei prende proprio come una donna
Fa l’amore proprio come una donna
E soffre proprio come una donna
Ma scoppia a piangere proprio come una bambina.

Piove fin dal principio
Ma là fuori io morivo di sete
Così sono entrato qui dentro 
e la tua antica maledizione fa male
Ma quello che è peggio 
è questo dolore che sento qui

Non posso più restare
Non capisci che non ce la faccio
Sì penso che è ora che ci separiamo
Quando ci rincontreremo 
e ci presenteranno come amici
Non far vedere ti prego
Che mi hai conosciuto quando avevo fame ed era tutto tuo il  mondo
Ah tu fai finta proprio come una donna
E fai l’amore proprio come una donna
E poi soffri proprio come una donna
Ma scoppi a piangere proprio come una bambina.


Just Like A Woman (compare nell'album del 1966 Blonde on Blonde) è forse uno dei brani più amari e velenosi mai scritti da Bob Dylan per una donna "che posa da vera donna" ma "poi scoppia a piangere come una bambina". ("Non far vedere ti prego che mi hai conosciuto quando avevo fame ed era tutto tuo il mondo").

La rivista musicale Rolling Stone l'ha annoverata tra le 500 migliori canzoni di tutti i tempi al 230º posto.


VEDI ANCHE . . .

BOB DYLAN E JOAN BAEZ - Il re e la regina

MASTERS OF WAR (Padroni della guerra) - Bob Dylan

BLOWIN' IN THE WIND (Soffiando nel vento) - Bob Dylan



mercoledì 10 luglio 2013

UN RAGAZZO DI STRADA - I Corvi + Vasco Rossi - (I Ain't no miracle worker - The Brogues)


   


........Un ragazzo di strada è la canzone più nota del gruppo beat I Corvi. È una versione italiana di I ain't no miracle worker, di Nancie Mantz e Annette Tucker, interpretata dai Brogues, un complesso i cui membri poi confluiranno nei Quicksilver Messenger Service. 
Il testo in italiano è scritto da Nisa, storico collaboratore di Renato Carosone. La canzone partecipa al Cantagiro nel 1966 riscuotendo un grande successo.


Versione originale

The Brogues
The Chesterfield Kings
The Barracudas


Versione italiana

I Corvi, 1966
The Bounty Killers, 1966
Skiantos, 1980
Nuova versione realizzata da Ravasini e Levati, 1982
Ivan Cattaneo
Pino Scotto
Settore Out
I Rats
Ain Soph, 2002
Tonino Carotone, 2005
I Pooh, 2008
Colonna Infame Skinhead
RockFM All Stars Band (band aziendale di radio RockFM)
Vasco Rossi, durante il Concerto del Primo Maggio 2009, brano poi inserito in Tracks 2 - Inediti & rarità
The Bastard Sons of Dioniso, 2009
Criminal Jokers, 2011
Calibro 35 feat. Manuel Agnelli, 2013
   


UN RAGAZZO DI STRADA
I Corvi - Vasco Rossi

Io sono quel che sono 
Non faccio la vita che fai tu 
Io vivo ai margini della città 
Non vivo come te 

Io sono un poco di buono 
Lasciami in pace perché 
Sono un ragazzo di strada 
E tu ti prendi gioco di me 

Tu sei di un altro mondo 
Hai tutto quello che vuoi 
Conosco quel che vale 
Una ragazza come te 

Io sono un poco di buono 
Lasciami in pace perché 
Sono un ragazzo di strada 
E tu ti prendi gioco di me 

Tu sei di un altro mondo 
Hai tutto quello che vuoi 
conosco quel che vale 
una ragazza come te 

Io sono un poco di buono 
Lasciami in pace perché 
Sono un ragazzo di strada 
E tu ti prendi gioco di me 

Sono un ragazzo di strada 
Si si si 
Ti prendi gioco di me...
  

   
I  AIN'T NO MIRACLES WORKER
The Brogues

Don't ask me to move a mountain
Don't ask me to swim your sea
Don't think that I am a tower of strength
Don't lean too much on me

When looking to the future
Don't build your dreams too high
I beg you to remember
I'm just an ordinary guy

I ain't no miracle worker
I do the best that I can
I ain't no miracle worker
Oh Lord, I ain't no miracle man

And I don't have a fortune
You know I sweat for each dime I make
But I'm always living now just looking
To that get love you bring

Every day I keep on trying
To do my best for you
And every trying just ain't enough baby
Well tell me what would you have me do

I ain't no miracle worker
I do the best that I can
I ain't no miracle worker
Oh Lord, I ain't no miracle man

Ask me to be tender
Ask me to be truth
Ask me for all the love I have
And girl, I'll give it all to you

But girl, I just can't offer
No storybook romance
Girl, that's what you're looking for, baby
I tell you, we just don't have a chance

I ain't no miracle worker
I do the best that I can
I ain't no miracle worker
Oh Lord, I'm not a miracle man







Sta........................



martedì 9 luglio 2013

WHEN A MAN LOVES A WOMAN (Quando un uomo ama una donna) - Percy Sledge (Testo e video)

  
When a man loves a woman 
Percy Sledge 

When he held me in his arms 
When he held me in his arms 
He said baby, bay, bay 
You're the only one for me

When a man loves a woman 
Can't keep his mind on nothin else 
He'll trade the world for the good thing 
He found, Yeah if she's bad he can't see it 
She can do no wrong 
Turn his back on his best friend if he put her down 

When a man loves a woman 
Spend his very last dime 
Tryin to hold on to what he needs 
Give up all of his comforts 
Go out and sleep out in the rain 
Is she say, "Baby that is how it's gonna be" 

When a man loves a woman 
Give up everything that he has 
Try to hold on to her precious love cryin 
"Baby, baby please don't treat me bad" 

When a man loves a woman 
Down deep in his soul 
She can bring him such misery 
Yeah.if she's playing him for a fool 
He's the last one to know, Lovin eyes don't ever see 

So this man says "do you love me?" 
Will you give me everything the earth has 
Try to hold on to my precious love cryin 
"Baby, baby please don't treat me bad" 

When a man loves a woman 
He gives her all, he will never hurt the lovely girl 
What you say about me, you love me baby 

And will ever cry, baby.


  
QUANDO UN UOMO AMA UNA DONNA

Quando mi tiene tra le sue braccia 
Quando mi tiene tra le sue braccia 
Lui dice, piccola, sei l'unica per me 

Quando un uomo ama una donna 
Non riesce a pensare a nient'altro 
darebbe il mondo per la bella cosa 
che ha trovato, si, se lei è cattiva lui non riesce a vederlo 
lei non può sbagliare 
gira le spalle al suo migliore amico se dice qualcosa di male su di lei 

Quando un uomo ama una donna 
spende fino all'ultimo centesimo 
per cercare di tenersi stretto ciò di cui ha bisogno 
rinuncia a tutti gli agi 
esce e dorme sotto la pioggia 
se lei dice "Amore, è cosi che deve essere" 

Quando un uomo ama una donna 
rinuncia a tutto quello che ha 
cercando di tenersi stretto il suo prezioso amore che piange 
"Amore, ti prego, non trattarmi male" 

Quando un uomo ama una donna 
fino in fondo all'anima 
lei può portargli tanto dolore 
si, se lo tratta come uno stupido 
lui è l'ultimo che lo viene a sapere, gli occhi innamorati non vedono 

Così quest'uomo dice "Mi ami?" 
Mi darai tutto ciò che c'è su questa terra 
cercando di tenerti stretto il prezioso amore che piange 
"Amore, ti prego, non trattarmi male" 

Quando un uomo ama una donna 
le dà tutto, non vuole ferire quella splendida ragazza 
cosa dici di me, mi ami 
e piangerai sempre, piccola...


Gli strumentisti per la registrazione di When a Man Loves a Woman furono:
Spooner Oldham: organo
Marlin Greene: chitarra
Albert "Junior" Lowe: basso
Roger Hawkins: batteria
Calvin Lewis e Andrew Wright: basso e tastiere



Sta..........

PRELUDIO IN DO MINORE (Prelude in C minor) - Johann Sebastian Bach


   
Il Preludio in do minore ( BWV 999), è un preludio per solo liuto scritto da Johann Sebastian Bach, probabilmente composto verso la fine del 1720 e inizio del 1710.

Bach scrisse molte partiture per strumenti solisti dando prova di un'abilità e di un'audacia senza pari. Qui, in un'opera cupa suonata al liuto, si ode il delicato intreccio di toni alti, ma anche la massiccia solidità dei toni bassi: un intero universo sonoro in miniatura con un ausilio strumentale ridotto al minimo.
  

  
Un'edizione di quest'opera per pianoforte è disponibile sotto il titolo J.S Bach: Diciotto Piccoli preludi, a cura di Keith Snell . 

E' stato ampiamente adattato in altri strumenti come violino, pianoforte, chitarra , ecc .

Le registrazioni di questo pezzo sono rare se non è eseguita come introduzione alla Fuga in sol minore, BWV 1000. 


sabato 6 luglio 2013

Concerto per pianoforte n° 1 (Concert for piano No. 1) - Tchaikovsky

   
Tchaikovsky compose questo concerto nel 1875 e propose la sua prima esecuzione in pubblico al pianista Artur Rubinstein; ma egli lo giudicò ineseguibile.
Il compositore allora lo dedico ad Hans von Bülow, che eseguì per la prima volta la partitura a Boston. Fu un successo sensazionale.
  
 
  
 Concerto per pianoforte n° 1
Op.23: Primo Movimento
Compositore - Pëtr Il'ič Čajkovskij (Tchaikovsky)
Tonalità - Si bemolle minore
Epoca di composizione - 1874-1875
Prima esecuzione - Boston, 25 ottobre 1875
Dedica - Hans von Bülow
Durata media 35 minuti
Organico - Orchestra, pianoforte solista

Il primo movimento è un susseguirsi di emozioni: dopo I'esordio con gli ottoni e il pianoforte si aggiungono gli archi, in un crescendo tematico che si sviluppa a un ritmo maestoso.