sabato 18 maggio 2013

BOLÉRO - Maurice Ravel







BOLÉRO - Maurice Ravel

Con la composizione del Boléro, Maurice Ravel raggiunse grande popolarità in tutto il mondo, superando i confini della musica classica. Boléro è in assoluto uno dei brani più popolari del Novecento.

Nel 1928 la celebre ballerina classica Ida Rubinstein chiese a Ravel di scrivere un pezzo per un suo balletto. La prima idea fu quella di adattare alcuni brani per pianoforte del compositore spagnolo Isaac Albéniz, ma in un secondo tempo, senza rinunciare alle suggestioni spagnole, Ravel compose questo Boléro. Fin dalla prima rappresentazione della Rubinstein con la troupe all'Opéra di Parigi, Boléro divenne un grande successo internazionale.
  

   
BOLÉRO

Compositore - Maurice Ravel
Tonalità - Do maggiore
Tipo di composizione - Balletto
Epoca di composizione - 1928
Prima esecuzione - 22 novembre 1928
Durata media - 15 minuti

Organico

2 flauti (il 2° anche 2° ottavino)..., ottavino..., 2 oboi (il 2° anche oboe d'amore)..., corno inglese..., clarinetto piccolo in mi♭..., 2 clarinetti in si♭..., clarinetto basso..., 2 fagotti..., controfagotto...., 4 corni..., tromba piccola in re..., 3 trombe..., 3 tromboni..., basso tuba..., 3 saxofoni (sopranino, soprano e tenore), timpani..., 2 tamburi..., piatti e tam-tam..., celesta..., arpa e archi.
   
Un irresistibile crescendo

Il Boléro di Ravel esercita un fascino ipnotico, oltre ad essere una sublime dimostrazione di come sia possibile ottenere un grande risultato da un piccolo spunto.
Il musicista fonda tutta la musica sul ritmo di base di un'antica danza spagnola (bolero) e lo ripropone insistentemente al tamburo militare per oltre trecento battute.
Alla ripetitiva sezione ritmica si contrappone una sinuosa melodia orchestrale che si ripropone invariata, creando gradatamente un clima di tensione tonale ed emotiva destinata ad esplodere nel fragoroso finale.
   



Nessun commento: