lunedì 15 aprile 2013

GUANTANAMERA - (Testo originale, traduzione, note e video di Zucchero e Joan Baez)




GUANTANAMERA
Dai versi di José Martí [1890]

Collage di versi definitivo di Julián Orbón
Probabile stesura musicale definitiva di Héctor Ángulo [1950]
Interpretata per prima da Joseíto Fernández [1932]

Yo soy un hombre sincero 
de donde crescen las palmas,


Yo soy un hombre sincero 
de donde crescen las palmas,
y antes de morir me quiero
echar my versos de l'alma. 

Guantanamera, guajira, Guantanamera...
Guantanamera guajira, Guantanamera, 

My verso es de un verde claro 
y de un carmin encendido,
my verso es un ciervo herido 
que busqua en el monte amparo. 

Guantanamera, guajira, Guantanamera...
Guantanamera guajira, Guantanamera.

Cultivo una rosa blanca
en Julio como en Enero
para el amigo sincero
que me da su mano franca.

Guantanamera, guajira Guantanamera
Guantanamera, guajira Guantanamera.


Y para el cruel que me arranca
el corazón con que vivo
cardo ni urtiga cultivo
cultivo la rosa blanca.


Guantanamera, guajira Guantanamera
Guantanamera, guajira Guantanamera.

Yo sé de un pesar profundo
entre las penas sin nombres
la esclavidad de los hombres
es la gran pena del mundo!


Guantanamera, guajira Guantanamera
Guantanamera, guajira Guantanamera.


Con los pobres de la tierra
quiero yo mi suerte echar
con los pobres de la tierra
quiero yo mi suerte echar
el arroyo de la sierra
me complace más que el mar.


Guantanamera, guajira Guantanamera
Guantanamera, guajira Guantanamera”
     
     
   
GUANTANAMERA 
(traduzione)

Io sono un uomo sincero
di dove cresce la palma


Io sono un uomo sincero
di dove cresce la palma,
e voglio, prima di morire
dall’anima far uscire i miei versi.

Guantanamera, guajira Guantanamera
Guantanamera, guajira Guantanamera.


Il mio verso è di un verde chiaro
ed è di un carminio acceso
il mio verso è un cervo ferito
che nel bosco cerca riparo.

Guantanamera, guajira Guantanamera
Guantanamera, guajira Guantanamera.


Coltivo una rosa bianca
a luglio come a gennaio
per l’amico sincero
che mi dà la sua mano franca.


Guantanamera, guajira Guantanamera
Guantanamera, guajira Guantanamera.


E per il crudele che mi strappa
il cuore con cui vivo
né cardo né ortica coltivo
coltivo la rosa bianca.

Guantanamera, guajira Guantanamera
Guantanamera, guajira Guantanamera.

Io so di un dolore profondo
fra le pene senza nome
la schiavitù degli uomini
è la gran pena del mondo.

Guantanamera, guajira Guantanamera
Guantanamera, guajira Guantanamera.


Ai poveri della terra
voglio unire il mio destino
il ruscello del monte
mi piace più del mare
il ruscello del monte
mi piace più del mare.

Guantanamera, guajira Guantanamera
Guantanamera, guajira Guantanamera.

     



GUANTANAMERA
Zucchero

Sono un ragazzo sincero 
da dove cresce la palma 
sono un ragazzo sincero 
da dove cresce la palma 
E prima di morir io chiedo 
un verso puro dall'alma 

Guantanamera 
Guajira Guantanamera 
Guantanamera 
Guajira Guantanamera 

In giugno come in gennaio 
coltivo una rosa bianca 
In giugno come in gennaio 
coltivo una rosa bianca 
perché l'amico sincero 
mi da la sua mano franca 

Guantanamera 
Guajira Guantanamera 
Guantanamera 
Guajira Guantanamera 

Un verso è di un verde chiaro 
uno di un cremisi acceso 
un verso è di un verde chiaro 
uno di un cremisi acceso 
e come un cervo ferito 
che cerca pace nell'alma 

Guantanamera 
Guajira Guantanamera 
Guantanamera 
Guajira Guantanamera 

Per te che mi strappi il cuore 
e la mia vita è ferita 
per te che mi strappi il cuore 
e la mia vita è ferita 
coltivo una rosa bianca 
e non il cardo e l'ortica. 

Guantanamera 
Guajira Guantanamera 
Guantanamera 
Guajira Guantanamera 
Guantanamera 
Guajira Guantanamera 
Guantanamera 
Guajira Guantanamera 
Guantanamera (sono un ragazzo sincero) 
Guajira Guantanamera (da dove cresce la palma) 
Guantanamera (sono un ragazzo sincero) 
Guajira Guantanamera 
Guajira Guantanamera 
Guajira Guantanamera 
Guajira Guantanamera
  


José Martí 
   
Guantanamera è una delle melodie cubane più conosciute, che identifica perfettamente la cultura e il ritmo della musica di quest'isola. 
Il testo è tratto dai versi del poeta rivoluzionario José Marti, morto nel 1895 durante la lotta per l'indipendenza di Cuba dal dominio coloniale spagnolo. La canzone fu poi ripresa e portata al successo negli anni Sessanta nel quadro dei movimenti di protesta e delle lotte per i diritti civili.

Guantanamera significa "ragazza di Guantanamo" (città cubana famosa per la base militare americana insediatavi nel 1898): è infatti a una bella contadina di Guantanamo che il poeta esprime la sua pena per la schiavitù e l'oppressione del suo popolo. 

      
GUANTANAMERA
NOTE MUSICALI



VEDI ANCHE . . .

Nessun commento: