venerdì 19 aprile 2013

AIDA - Giuseppe Verdi (Video completo con Luciano Pavarotti e Margaret Price)




 
......Per I'inaugurazione del canale di Suez, il Kedivé d'Egitto  dette incarico a Giuseppe Verdi  di comporre un'opera per il suo nuovo teatro lirico del Cairo. 
"Aida" fu rappresentata la vigilia di Natale del 1871 dinanzi a un pubblico di diplomatici, di ufficiali e di belle donne europee, frammisti ad Arabi, Persiani, Turchi ed Egiziani, con i loro turbanti ingemmati, e all'harem del Kedivé, le cui mogli, modestamente velate, affollavano tre palchi.


"Tutti" erano presenti, tranne il compositore che si era ostinatamente rifiutato di lasciare Sant'Agata, sia pure per assistere all'applauso trionfale che sali fino alla volta del teatro. 

Ancora oggi Aida è l'opera “di cassetta” più sicura.

Aida è ricca di grandi  scenografie collettive alternate da momenti privati di intensa drammaticità.
La sontuosa ambientazione in cui si celebra la vittoria degli Egizi sugli Etiopi è il preludio della tragedia personale che seguirà. 
Al suono della marcia trionfale fa seguito la musica esotica di una sequenza danzata: un ingrediente tipico di molti melodrammi dell'Ottocento.


Aida è un'opera in quattro atti di Giuseppe Verdi, su libretto di Antonio Ghislanzoni, basata su un soggetto originale di Auguste Mariette.
  
   
AIDA
Atti quattro
Musica - Giuseppe Verdi

Lingua originale - Italiano
Genere - Opera drammatica
Libretto - Antonio Ghislanzoni
Fonti letterarie - Auguste Mariette
Prima rappresentazione 24 dicembre 1871
Teatro khediviale dell'Opera, Il Cairo
Prima rappresentazione italiana - 8 febbraio 1872
Teatro - Milano, Teatro alla Scala

Personaggi

Aida, principessa etiope (soprano)
Radamès, capitano delle Guardie (tenore)
Amneris, figlia del Faraone (mezzosoprano)
Amonasro, Re dell'Etiopia e padre di Aida (baritono)
Ramfis, Gran Sacerdote (basso)
Il Re d'Egitto, padre di Amneris (basso)
Una sacerdotessa (soprano)
Un messaggero (tenore)
Sacerdoti, sacerdotesse, ministri, capitani, soldati, ufficiali, 
schiavi e prigionieri etiopi, popolo egizio (coro)

Nessun commento: