sabato 16 marzo 2013

QUARTETTI RUSSI OP. 33 n° 2 LO SCHERZO (The Joke) - Franz Joseph Haydn

Un violino e una viola

   
La produzione di Haydn, che comprende composizioni vocali (opere teatrali, oratori e cantate), sonate per pianoforte, quartetti, musica strumentale e sinfonie, sintetizza le conquiste musicali del '700 italiano e tedesco. Oltre a definire la forma sonata, Haydn creò la nuova formazione strumentale del Quartetto, composto da due violini, una viola ed un violoncello (Quartetti russi op. 33, Quartetti prussiani op. 50Quartetti Apponyi op. 741 e dette al genere della sinfonia un equilibrio formale e sonoro. Le sue 108 sinfonie (composte fra il 1759 e il 1795) sono fra le opere che rappresentano un punto d'arrivo nello sviluppo della musica strumentale del XVIII secolo Haydn infatti abbandonò l'uso del basso continuo a favore dell'armonia e distribuì equilibratamente gli strumenti all'interno dell'orchestra, conferendo loro una specifica autonomia e dando loro modo di partecipare al discorso musicale ad un livello di parità.
  
Haydn op. 33 nº 2 "The Joke" 1-2   


    
L'op. 33 Quartetti per archi sono stati scritti da Joseph Haydn durante l'estate e l'autunno del 1781 per l'editore Artaria di Vienna. Questa serie di quartetti ha diversi soprannomi, il più comune dei quali è "Quartetti russi", perché Haydn li dedicò al granduca Paolo di Russia e molti (se non tutti) dei quartetti sono stati eseguiti per la prima volta il giorno di Natale del 1781, presso l'appartamento viennese della moglie del Duca, la Granduchessa Maria Feodorovna.

Questo quartetto in mi bemolle maggiore, soprannominato The Joke, è numerato in vari modi  (N° 30 - Hob. III:38 - FHE N° 71).

Allegro moderato, 4/4
Scherzo: Allegro. 3/4
Largo, 3/4 in B-flat major
Presto, 6/8


Sta...........




1 commento: