domenica 10 marzo 2013

PASSIONE SECONDO MATTEO BWV 244 (St. Matthew Passion) - Johann Sebastian Bach (Commento e video)

Johann Sebastian Bach 
   
La passione è un oratorio che narra e commenta la passione e crocefissione di Cristo. Delle cinque passioni che Bach scrisse per celebrare la Pasqua soltanto due ci sono pervenute; la Passione secondo Matteo è quella più suggestiva e spettacolare.
Oltre a un coro di voci bianche, Bach (secondo l'antica tecnica policorale) impiega due orchestre e due cori ai lati opposti della chiesa per prolungare e arricchire il suono, creando effetti di proflondità.
Eseguita la prima volta nel 1729 nella chiesa di San Tommaso a Lipsia, la Passione secondo Matteo rappresenta, nella sua intensa drammaticità e teatralità, il culmine dell'arte sacra di Bach.
Il testo, in lingua tedesca, è tratto sostanzialmente dal Vangelo di Matteo (di qui il titolo).
Per la narrazione del testo evangelico Bach ricorre a un solista che intona i versetti in stile recitativo. Il coro rappresenta la folla che sottolinea e commenta i fatti, mentre i vari personaggi
(Cristo, Pietro, Pilato, Giuda, ecc.) sono rappresentati da altrettanti cantanti solisti.
Il Prologo è il brano con cui si apre la composizione. L'orchestra crea subito un'atmosfera di struggente spiritualità; l'entrata del coro rende ancora più profondo il clima di grande pietà e sofferenza per il sacrificio di Gesù.
  

    

Nessun commento: