venerdì 27 luglio 2012

QUARANTA GHEI D'INVERNO - Canzone popolare della Lombardia




  

Canzone diffusa nell'Alto Milanese, soprattutto nelle filande in sciopero, durante i moti de "La boje".
I moti de “La boje” si estesero abbastanza rapidamente dal Mantovano al Cremonese e al Codognese; nel 1885 anche l'Alto Milanese fu interessato alla rivolta, sempre a causa della crisi cerealicola, ma anche per la crisi della coltivazione dei bachi da seta.
“Quaranta ghei d'inverno” fu cantata in occasione di questi moti dell'Alto Milanese, soprattutto dalle fìlandine in sciopero. Il testo è pubblicato in Canzoniere del lavoro, supplemento al settimanale Vie nuove, a cura del Nuovo Canzoniere Italiano.



QUARANTA GHEI D'INVERNO

Quaranta ghei d'inverno, cinquanta d'està;
se ghe ie dassen, sti pover paisan,
nanca farìen una pell de pan.
O donn, o donn, andémm, andémm,
andémm in piazza a fà burdell!
An piantà in pé sta rivulüsiun
tütt in grasia di nòster padrun.
La rivulüsiun l'àn piantà
per fà calà i fitt de cà
e pu pendissi de pagà.
Ma el padrun el diz inscì,
che i paisan i-a de fà murì;
l'a de fà murì, l'a de fà crepà
ma la rivulüsiun la se dev fà:
tuta la mubilia che gh'è in Milan
l'è tüta roba di pòer paisan;
i pòer paisan intanta in là a spettà
la letera dell'America che la dev rivà.



QUARANTA CENTESIMI D'INVERNO

Quaranta centesimi d'inverno, cinquanta d'estate; 
se anche glieli dessero, questi poveri contadini 
non riuscirebbero a mangiare neanche pane a sazietà. 
O donne, o donne, andiamo, andiamo, 
andiamo in piazza a far casino. 
Hanno messo in piedi questa rivoluzione 
tutto in grazia del nostro padrone. 
La rivoluzione l'hanno messa su 
per far diminuire gli affitti delle case 
e basta debiti da pagare. 
Ma il padrone dice così, 
che i contadini deve farli morire, 
deve farli morire, farli crepare; 
ma la rivoluzione noi dobbiamo fare:
 tutte le ricchezze che ci sono a Milano 
è tutta roba dei poveri contadini; 
gli stessi poveri contadini che son là ad aspettare 
la lettera dall'America che deve arrivare. 






Sta....per sempre....