sabato 24 marzo 2012

OH, LADY BE GOOD - Ella Fitzgerald (Note, testo, traduzione e video)





OH, LADY BE GOOD
Testo di George e Ira Gershwin 
Canta Ella Fitzgerald


Listen to my tale of woe,
It's terribly sad, but true.
All dressed up, no place to go,
Each ev'ning I'm awfully blue

I know I'm a winsome miss 
I must win some handsome guy
Can't go on like this,
I could blossom out I know,
With somebody just like you. So...

Chorus :

Oh, sweet and lovely lady, be good
Oh, lady, be good to me
I am so awf'ly misunderstood
So lady, be good to me

Oh, please have some pity
I'm all alone in this big city

I tell you I'm just a lonesome babe in the wood,
So lady be good to me.
(bis)

Oh lady be good to me. 

o o o 


Ascolta la mia storia di dolore,
è terribilmente triste, ma vera.
Tutti vestiti, nessun posto dove andare,
Ogni sera sono terribilmente blu

So di essere un attraente perdente
Devo vincere qualche bel ragazzo
Non può andare avanti così,
Ho potuto fiorire lo so,
Con qualcuno come te. Quindi ...

Coro:

Oh signora, dolce e bella, sìì buona
Oh, signora, sii buona con me
Sono così terribilmente incompreso 
Quindi, signora, sìì buona con me

Oh, ti prego di avere un po' di pietà
Sono tutto solo in questa grande città

Ti dico io sono solo un solitario bambino nel bosco,
Quindi, signora, sìì buona con me.
(bis)

Oh, signora, sìì buona con me.



"Oh, Lady Be Good!" è stato scritto nel 1924 da George e Ira Gershwin 
   
Ella Fitzgerald (Newport News, Virginia 1918 - Beverly Hills, California 1996) era una cantante jazz statunitense. 
Iniziata la sua attività di cantante nel 1934, nell'orchestra del batterista e direttore Chick Webb, raggiunse la popolarità con l'interpretazione del brano A Tisket, a Tasket (1938). 
Il successo come solista, con le formazioni dei Delta Rhythm Boys (1942) e degli Ink Spots (1943), la spinse, nel dopoguerra, a compiere numerose tournée all'estero con il gruppo Jazz at the Philarmonic di Norman Granz. 
Dotata di una grande estensione vocale e di eccezionali capacità improwisative, la Fitzgerald sviluppò, nel corso della sua carriera, uno stile personalissimo. Traendo ispirazione dai canoni del be-bop l'artista elaborò lo scat, una tecnica vocale consistente nell'imitazione di uno strumento, pronunciando sillabe e suoni asemantici.
Nel corso della sua carriera la Fitzgerald si esibì, in molte occasioni, a fianco di Louis Armstrong, o con le orchestre di Duke Ellington e Count Basie.


Sta...per sempre...

Nessun commento: