martedì 20 marzo 2012

ARTI E MESTIERI



Questo gruppo si forma nel 1974 quando Furio Chirico, batterista appena fuoriuscito dai Trip, raduna attorno a sé alcuni dei più promettenti musicisti della scena torinese. 
Nel corso dello stesso anno Arti e Mestieri si esibisce al Parco Lambro di Milano nell'ambito del Festival del proletariato giovanile (14-16 giugno) e, successivamente, segue in tournée la PFM e gli Area. 
Sempre nel 19741a formazione pubblica Tilt (immagini per un orecchio), album di grande levatura prodotto dal chitarrista del gruppo Luigi Venegoni e da Paolo Tofani degli Area. 
Intanto l'attività concertistica prosegue con un tour italiano al seguito dei Gentle Giant. 
Nel 1975 l'organico del gruppo si amplia con l'arrivo del cantante Gianfranco Gaza, già con i Procession, che consente a Giovanni Vigliar di dedicarsi esclusivamente al violino e di evitare le parti cantate, che non sempre affronta con disinvoltura. Con questa formazione Arti e Mestieri realizza Giro di valzer per domani, un album maturo e omogeneo, sicuramente il migliore della sua produzione. 
Al long playing, accolto con favore dalla critica, seguono quattro anni di silenzio discografico. 
Il gruppo torna alla ribalta nel 1979 con Quinto stato, album che affronta in maniera più decisa rispetto al passato i problemi sociali e i temi dell'insoddisfazione giovanile.
Per “quinto stato” si intende, infatti, emarginazione e impossibilità di inserirsi in una società che non ha più valori né regole, se non quelle della prevaricazione e della sopraffazione a ogni livello. Musica e testi molto duri contraddistinguono quest'opera che, seppur non all'altezza delle precedenti, risulta comunque convincente. Nell'incisione è da segnalare la presenza alle tastiere di Marco Cimino, già membro degli Zauber e degli Errata Corrige e quella di Flavio Boltro alla tromba. 
Venegoni, che nell'album compare solo in un brano, abbandona il gruppo per dedicarsi esclusivamente a Venegoni & Co. formazione con cui incide due ottimi album. 
Dopo altri quattro anni di silenzio Arti e Mestieri riappare nel 1983, completamente rivoluzionato nell'organico, con un album intitolato Acquario. 
Insieme a Chirico sono presenti Antonino Salerno (tastiere), Umberto Mari (basso), Luigi Tessarollo (chitarra), Guido Scategni (fiati) e Sirio Merlo (sax). 
Il jazz-rock proposto è sempre al passo con i tempi, interamente strumentale e con frequenti interplay puramente jazzistici. 
A due anni di distanza segue Children's Blues, anch'esso strumentale e con soluzioni ancora più vicine al jazz. La formazione è nuovamente cambiata: con Chirico, Salerno e Mari stavolta ci sono Mario Petracca, Claudio Bonadè, Gigi Mucciolo e Johnny Capriuolo. 
Devo segnalare, ancora, la pubblicazione nei primi mesi del 1990 del CD Live, con brani tratti da Tilt eseguiti in concerto nel maggio del 1974 a Torino e contenente, inoltre, l'inedito Comin Here To Get You, brano firmato da Vigliar. 
Arti e Mestieri è stato uno dei più importanti gruppi italiani di jazz-rock capace di proporre un sound inconfondibile, originale e delicato, in cui jazz, rock progressive, sonorità mediterranee si fondono dando vita a un linguaggio di grande comunicativa. 

Luigi Venegoni (chitarra, sintetizzatore)..., Beppe Crovella (piano, organo, mellotron, sintetizzatore)..., Marco Gallesi (basso)..., Giovanni Vigliar (violino, voce)..., Arturo Vitale (sassofono soprano e baritono, clarinetto, vibrafono)..., Gianfranco Gaza (voce).

Tilt (immagini per un orecchio) (Cramps, 1974)
Giro di valzer per domani (Cramps, 1975)
Valzer per domani/Saper sentire (Cramps, 1975)
Quinto stato (Cramps, 1979)
Acquario (Studio Records, 1983)
Children's Blues (Edizioni Augusta, 1985)
Live (Vinyl Magie, 1990)



Membri nel 1974

Gigi Venegoni... chitarra
Beppe Crovella... tastiere
Marco Gallesi... basso
Furio Chirico... batteria
Giovanni Vigliar... violino
Arturo Vitale... fiati
Gianfranco Gaza... voce


Membri nel 1975

Gigi Venegoni... chitarra
Beppe Crovella... tastiere
Marco Gallesi... basso
Furio Chirico... batteria
Giovanni Vigliar... violino
Arturo Vitale... fiati
Gianfranco Gaza... voce


Membri nel 1979

Marco Gallesi... basso
Furio Chirico... batteria
Claudio Montafia... chitarra
Marco Cimino... tastiere
Flavio Boltro... tromba
Arturo Vitale... fiati, pianoforte, cori
Rudi Passuello... voce


Membri nel 1983

Willy Fugazza...chitarra
Antonino Salerno...tastiere
Umberto Mari...basso
Furio Chirico...batteria
Guido Scategni...sax
Siro Merlo...sax


Membri nel 1984

Luigi Tessarollo...chitarra
Antonino Salerno...tastiere
Umberto Mari...basso
Furio Chirico...batteria
Siro Merlo ...sax tenore
Guido Scategni ...sax contralto


Membri nel 1985

Mario Petracca...chitarra
Antonino Salerno...tastiere
Umberto Mari...basso
Furio Chirico...batteria
Claudio Bonade ...sax alto
Gigi Mucciolo ...tromba, flicorno
Johnny Capriuolo ...trombone


Membri nel 2001

Gigi Venegoni... chitarra
Beppe Crovella... tastiere
Marco Gallesi... basso
Furio Chirico... batteria
Marco Cimino... fiati
Corrado Trabuio... violino


Membri nel 2003

Beppe Crovella - tastiere
Furio Chirico - batteria
Corrado Trabuio - violino
Slep - chitarra
Roberto Cassetta - basso


Membri nel 2005

Beppe Crovella - tastiere
Furio Chirico - batteria
Lautaro Acosta - violino
Marco Roagna - chitarra
Roberto Cassetta - basso
Alfredo Ponissi - sax
Iano Nicolo - voce


Sta...per sempre....

3 commenti:

Marianna S. ha detto...

io questi mica me li ricordo....è grave?

TheSweetColours ha detto...

non li conosco...

Anonimo ha detto...

Direi che è gravissimo...