lunedì 27 febbraio 2012

CANZONI NAPOLETANE - Ferruccio Tagliavini (Testo e video)


Ferruccio Tagliavini


Questa pagina la voglio dedicare alla canzone napoletana.
Attraverso tali canzoni, ci è possibile rivivere in profondità parte della storia di Napoli e della sua musica, della sua arte, più propriamente, grazie all'interpretazione dei maggiori cantanti italiani. Ciascuno dei quali è chiaro, ha apportato alle canzoni che interpreta quel tanto di personale e di intimo che vale a dar loro un aspetto sempre nuovo, sempre attuale, sempre gustoso. I sentimenti espressi in ogni singola canzone sono ovviamente inalterabili, ma, ad esempio, c'é gioia e gioia, nostalgia e nostalgia, tormento e tormento. È questo in fondo il segreto stesso dell'espressione d'arte, anche se, nel caso della canzone napoletana, taluno insiste ancora sul vecchio luogo comune dell'arte rumore.
Eppure quale straordinaria e rigogliosa fioritura di melodie e di musiche, quale dispiego di libera fantasia troviamo nelle canzoni sbocciate come per incanto a Napoli! Espressione di una splendida tradizione popolare, che affonda le sue radici nelle villanelle ed arie da camera settecentesche.
Il punto culminante dell'evoluzione della canzone a Napoli è da ricercarsi, com'è noto, nel periodo che è a cavallo del secolo. Qui la canzone è divenuta, nell'incantevole città che le ha dato i natali, un fatto di cultura, un fecondo punto d'incontro tra poesia, letteratura e musica, prodigioso fenomeno di spontanea congiuntura. I soggetti erano dapprima i più svariati, ma poi prevalse in senso assoluto quello amoroso: l'amore trattato nelle sue infinite sfumature, e come solo l'animo appassionato dei napoletani può esprimerlo.
Tale tradizione (che in Salvatore di Giacomo ha avuto l'esponente maggiore) è rimasta viva sino ad oggi, sì che per noi è impossibile dissociare la canzone napoletana dal sentimento d'amore, un sentimento spaziante dalla malinconia alla gioia più sfrenata (melanconia e gioia, si osserva spesso e giustamente, sono i due poli estremi che caratterizzano l'animo napoletano in tutte le sue manifestazioni).
A quel periodo d'oro risalgono molti dei brani che ho scelto nella presente opinione. Pagine giustamente celebri, che nel breve arco di una fase melodica racchiudono un mondo semplice e fatto di cose semplici, ma sempre compiutamente poetico. .
Stavolta, ad interpretarle, ho scelto il tenore Ferruccio Tagliavini. 
E Tagliavini le canzoni le esegue alla sua maniera, con quel rispetto allo stile che gli è peculiare e con la propria voce straordinariamente dotata. Non a caso le canzoni napoletane cantate da Tagliavini sono popolari quanto le sue celebri interpretazioni di arie operistiche. La sua vocalità è fatta di sfumature, di sospiri, di accenti espressivi e suadenti, la sua voce è uno strumento quanto mai duttile e plasmabile, che sa essere egualmente incisivo e lievissimo. Uno strumento perciò ideale per una creazione così delicata - vero fiore di serra - qual'è la canzone napoletana, piena appunto di sfumature e di lirici abbandoni.
Nell'interpretazione di Ferruccio Tagliavini, '0 sole mio..., Torna a Surriento..., Core 'ngrato..., Voce 'e notte..., e tutte le altre canzoni che qui presento rivivono così in tutta la loro inalterabile e poetica bellezza.


ANEMA E CORE 
D'Esposito - Manlio

ANEMA E CORE
Musica di Salvatore D'Esposito - Testo di Tito Manlio

Nuje ca perdimmo 'a pace e 'o suonno,
nun ce dicimmo maje pecché?...
Vocche ca vase nun ne vonno,
nun só' sti vvocche oje né'!
Pure, te chiammo e nun rispunne
pe' fá dispietto a me...

Tenímmoce accussí: ánema e core...
nun ce lassammo cchiù, manco pe' n'ora...
stu desiderio 'e te mme fa paura...
Campá cu te,
sempe cu te,
pe' nun murí...
Che ce dicimmo a fá parole amare,
si 'o bbene po' campá cu nu respiro?
Si smanie pure tu pe' chist'ammore,
tenímmoce accussí...ánema e core!

Forse sarrá ca 'o chianto è doce,
forse sarrá ca bene fa...
Quanno mme sento cchiù felice,
nun è felicitá...
Specie si ê vvote tu mme dice,
distratta, 'a veritá...

Tenímmoce accussí: ánema e core... 



TORNA A SURRIENTO 
G. De Curtis - E. De Curtis

TORNA A SURRIENTO 
G. De Curtis - E. De Curtis

Vide 'o mare quant'è bello!
Spira tantu sentimento.
Comme tu a chi tiene mente
Ca scetato 'o faje sunnà.

Guarda, guà chistu ciardino;
Siente, siè sti sciure arance.
Nu prufumo accussì fino
Dinto 'o core se ne va...

E tu dice "I'parto, addio!"
T'alluntane da stu core...
Da la terra da l'ammore...
Tiene 'o core 'e nun turnà

Ma nun me lassà
Nun darme stu turmiento!
Torna a Surriento,
Famme campà!

Vide 'o mare de Surriento,
Che tesoro tene 'nfunno:
Chi ha girato tutto 'o munno
Nun l'ha visto comm'a ccà.

Guarda attuorno sti sserene,
Ca te guardano 'ncantate
E te vonno tantu bene...
Te vulessero vasà.

E tu dice "I'parto, addio!"
T'alluntane da stu core...
Da la terra da l'ammore...
Tiene 'o core 'e nun turnà

Ma nun me lassà
Nun darme stu turmiento!
Torna a Surriento,
Famme campà!



TU CA NUN CHIAGNE 
Bovio – E. De Curtis

TU CA NUN CHIAGNE 
Libero Bovio – Ernesto De Curtis


Comm'è bella 'a muntagna stanotte...
bella accussí, nun ll'aggio vista maje!
N'ánema pare, rassignata e stanca,
sott''a cuperta 'e chesta luna janca...
Tu ca nun chiagne e chiágnere mme faje,
tu, stanotte, addó staje?
Voglio a te!
Voglio a te!
Chist'uocchie te vonno,
n'ata vota, vedé!

Comm'è calma 'a muntagna stanotte...
cchiù calma 'e mo, nun ll'aggio vista maje!
E tutto dorme, tutto dorme o more,
e i' sulo veglio, pecché veglia Ammore...

Tu ca nun chiagne e chiágnere mme faje,
tu, stanotte, addó staje?
Voglio a te!
Voglio a te!
Chist'uocchie te vonno,
n'ata vota, vedé!...



'O SOLE MIO 
G. Capurro - E. di Capua   

'O SOLE MIO
(Testo di Giovanni Capurro, musica di Eduardo di Capua , 1898)

Che bella cosa na jurnata 'e sole,
N'aria serena doppo a na tempesta!
Pe' ll'aria fresca pare giá na festa,
Che bella cosa na jurnata 'e sole!

Ma n'atu sole
cchiù bello, oje né',
'o sole mio,
sta 'nfronte a te...
'O sole,
'o sole mio,
sta 'nfronte a te...
sta 'nfronte a te!

Lùceno 'e llastre d''a fenesta toja;
na lavannara canta e se ne vanta
e pe' tramente torce, spanne e canta,
lùceno 'e llastre d''a fenesta toja

Ma n'atu sole
cchiù bello, oje né',
'o sole mio,
sta 'nfronte a te...
'O sole,
'o sole mio,
sta 'nfronte a te...
sta 'nfronte a te!

Quanno fa notte e 'o sole se ne scenne,
mme vène quase na malincunia...
sott''a fenesta toja restarría,
quanno fa notte e 'o sole se ne scenne.

Ma n'atu sole
cchiù bello, oje né',
'o sole mio,
sta 'nfronte a te...
'O sole,
'o sole mio,
sta 'nfronte a te...
sta 'nfronte a te!


NB - Non trovando in internet video di Tagliavini, ho immesso canzoni di vari cantanti napoletani.


CORE 'NGRATO 
Cardillo - Cordiferro
 ...CORE 'NGRATO
Cardillo - Cordiferro
Canta Sergio Bruni

Catarí', Catarí'...
pecché mm''e ddice sti pparole amare?!
Pecché mme parle e 'o core mme turmiente Catarí'?!
Nun te scurdá ca t'aggio dato 'o core, Catarí'...
Nun te scurdá...
Catarí'...
Catarí', che vène a dicere
stu pparlá ca mme dá spáseme?
Tu nun ce pienze a stu dulore mio?!
Tu nun ce pienze, tu nun te ne cure...

Core, core 'ngrato...
T'hê pigliato 'a vita mia!
Tutto è passato...
e nun ce pienze cchiù.

Catarí', Catarí'...
tu nun 'o ssaje ca fino e 'int'a na chiesa
io só' trasuto e aggiu pregato a Dio, Catarí'...
E ll'aggio ditto pure a 'o cunfessore: "Io stó' a murí
pe' chella llá...
Stó' a suffrí,
stó' a suffrí nun se pò credere...
stó' a suffrí tutte li strazie..."
E 'o cunfessore, ch'è perzona santa,
mm'ha ditto: "Figliu mio lássala stá, lássala stá!..."

Core, core 'ngrato...
T'hê pigliato 'a vita mia!
Tutto è passato...
e nun ce pienze cchiù.



VURRIA 
Pugliese - Rendine
VURRIA
Pugliese - Rendine
Canta Nunzio Gallo

Dint'a na stanzulélla fredda e scura,
addó' na vota ce traseva 'o sole,
mo stóngo io sulo...e tengo na paura
ch'a poco a poco, mme cunzuma 'o core...

Paura ca mme struje 'sta malatia
senza vedé cchiù Napule,
senza vedé cchiù a te...

Vurría turná addu te,
pe' n'ora sola,
Napule mia...
pe' te sentí 'e cantá
cu mille manduline...
Vurría turná addu te
comm'a na vota,
ammore mio...
pe' te puté vasá,
pe' mme sentí abbracciá...
'Sta freva
ca nun mme lassa maje!
'sta freva
nun mme fa cchiù campá...

Vurría turná addu te
pe' n'ora sola,
Napule mia...
Vurría...vurría...vurría...
ma stóngo 'ncróce!

Stanotte, dint''o suonno, si' turnata...
Mm'accarezzave, chiano, 'sta ferita...
Aggio sentuto mille serenate,
aggio sentuto Napule addurmuta...
Po', 'mmiez'a tanta nebbia, só' caduto...
senza vedé cchiù Napule,
senza vedé cchiù a te!...

Vurría turná addu te...



'NA SERA 'E MAGGIO 
Pisano - Cioffi
 _____'NA SERA 'E MAGGIO
Pisano - Cioffi
Canta Roberto Murolo

Quanno vien'a 'appuntamento
guarde 'o mare, guard''e ffronne,
si te parlo nun rispunne,
staje distratta comm'a che.
Io te tengo dint''o core,
sóngo sempe 'nnammurato
ma tu, invece, pienze a n'ato
e te staje scurdanno 'e me...

Quanno se dice: "Sí!"
tiènelo a mente...
Nun s'ha da fá murí
nu core amante...
Tu mme diciste: "Sí!" na sera 'e maggio...
e mo tiene 'o curaggio 'e mme lassá?!

St'uocchie tuoje nun só' sincere
comm'a quanno mme 'ncuntraste,
comm'a quanno mme diciste:
"Voglio bene sulo a te..."
E tremmanno mme giuraste,
cu na mano 'ncopp''o core:
"Nun se scorda 'o primmo ammore!..."
Mo te staje scurdanno 'e me...

Quanno se dice: "Sí!"



I' TE VURRIA VASÀ 
V. Russo - Di Capua
 ______I' TE VURRIA VASA'
V. Russo - Di Capua
Canta Mario Abbate

Ah! Che bell'aria fresca...
Ch'addore 'e malvarosa...
E tu durmenno staje,
'ncopp'a sti ffronne 'e rosa!

'O sole, a poco a poco,
pe' stu ciardino sponta...
'o viento passa e vasa
stu ricciulillo 'nfronte!

I' te vurría vasá...
I' te vurría vasá...
ma 'o core nun mm''o ddice
'e te scetá...
'e te scetá!...

I' mme vurría addurmí...
I' mme vurría addurmí...
vicino ô sciato tujo,
n'ora pur'i'...
n'ora pur'i'!...

Tu duorme oje Rosa mia...
e duorme a suonno chino,
mentr'io guardo, 'ncantato,
stu musso curallino...

E chesti ccarne fresche,
e chesti ttrezze nere,
mme mettono, 'int''o core,
mille male penziere!

I' te vurría vasá...

Sento stu core tujo
ca sbatte comm'a ll'onne!
Durmenno, angelo mio,
chisà tu a chi te suonne...

'A gelusia turmenta
stu core mio malato:
Te suonne a me?...Dimméllo!
O pure suonne a n'ato?

I' te vurría vasá...



DICITENCELLO VUIE – Falvo – Fusco
DICITENCELLO VUJE
Fusco - Falvo
Canta Gigi Finizio

Dicitencello a 'sta cumpagna vosta
ch'aggio perduto 'o suonno e 'a fantasia...
ch''a penzo sempe,
ch'è tutt''a vita mia...
I' nce 'o vvulesse dicere,
ma nun ce 'o ssaccio dí...

'A voglio bene...
'A voglio bene assaje!
Dicitencello vuje
ca nun mm''a scordo maje.
E' na passione,
cchiù forte 'e na catena,
ca mme turmenta ll'anema...
e nun mme fa campá!...

Dicitencello ch'è na rosa 'e maggio,
ch'è assaje cchiù bella 'e na jurnata 'e sole...
Da 'a vocca soja,
cchiù fresca d''e vviole,
i' giá vulesse sèntere
ch'è 'nnammurata 'e me!

'A voglio bene...

Na lácrema lucente v'è caduta...
dicíteme nu poco: a che penzate?!
Cu st'uocchie doce,
vuje sola mme guardate...
Levámmoce 'sta maschera,
dicimmo 'a veritá...

Te voglio bene...
Te voglio bene assaje...
Si' tu chesta catena
ca nun se spezza maje!
Suonno gentile,
suspiro mio carnale...
Te cerco comm'a ll'aria:
Te voglio pe' campá!..



COMME FACETTE MÁMMETA?
Capaldo – Gambardella
COMME FACETTE MÁMMETA?
Capaldo - Gambardella
Canta Rudy Giovannini

Quanno mámmeta t'ha fatta,
quanno mámmeta t'ha fatta...
Vuó' sapé comme facette?
vuó' sapé comme facette?...

Pe' 'mpastá sti ccarne belle,
pe' 'mpastá sti ccarne belle...
Tutto chello ca mettette?
tutto chello ca mettette?...

Ciento rose 'ncappucciate,
dint''a mártula mmescate...
Latte, rose, rose e latte,
te facette 'ncopp''o fatto!...

Nun c'è bisogno 'a zingara
p'andiviná, Cuncè'...
Comme t'ha fatto mámmeta,
'o ssaccio meglio 'e te!...

E pe' fá 'sta vocca bella,
e pe' fá 'sta vocca bella...
Nun servette 'a stessa dose,
nun servette 'a stessa dose...

Vuó' sapé che nce mettette?
Vuó' sapé che nce mettette?...
mo te dico tuttecosa...
mo te dico tuttecosa:

nu panaro chino, chino,
tutt''e fravule 'e ciardino...
Mèle, zuccaro e cannella:
te 'mpastaje 'sta vocca bella...

Nun c'è bisogno 'a zingara
p'andiviná, Cuncè'...
Comme t'ha fatto mámmeta,
'o ssaccio meglio 'e te...

E pe' fá sti ttrezze d'oro,
e pe' fá sti ttrezze d'oro...
Mamma toja s'appezzentette,
mamma toja s'appezzentette...

Bella mia, tu qua' muneta!?
bella mia, tu qua' muneta!?
Vuó' sapé che nce servette?
vuó' sapé che nce servette?...

Na miniera sana sana,
tutta fatta a filagrana,
nce vulette pe' sti ttrezze,
che, a vasá, nun ce sta prezzo!

Nun c'è bisogno 'a zingara,
p'andiviná, Cuncè'...
comme t'ha fatto mámmeta,
'o ssaccio meglio 'e te...



VOCE 'E NOTTE  
Nicolardi – E. De Curtis

VOCE 'E NOTTE – Nicolardi – E. De Curtis
Canta Massimo Ranieri


Si 'sta voce te scéta 'int''a nuttata, 
mentre t'astrigne 'o sposo tujo vicino... 
Statte scetata, si vuó' stá scetata, 
ma fa' vedé ca duorme a suonno chino... 

Nun ghí vicino ê llastre pe' fá 'a spia, 
pecché nun puó' sbagliá 'sta voce è 'a mia... 
E' 'a stessa voce 'e quanno tutt'e duje, 
scurnuse, nce parlávamo cu 'o "vvuje". 

Si 'sta voce te canta dint''o core 
chello ca nun te cerco e nun te dico; 
tutt''o turmiento 'e nu luntano ammore, 
tutto ll'ammore 'e nu turmiento antico... 

Si te vène na smania 'e vulé bene, 
na smania 'e vase córrere p''e vvéne, 
nu fuoco che t'abbrucia comm'a che, 
vásate a chillo...che te 'mporta 'e me? 

Si 'sta voce, che chiagne 'int''a nuttata, 
te sceta 'o sposo, nun avé paura... 
Vide ch'è senza nomme 'a serenata, 
dille ca dorme e che se rassicura... 

Dille accussí: "Chi canta 'int'a 'sta via 
o sarrá pazzo o more 'e gelusia! 
Starrá chiagnenno quacche 'nfamitá... 
Canta isso sulo...Ma che canta a fá?!..."




PISCATORE 'E PUSILLECO 
Murolo – Tagliaferri

 PISCATORE 'E PUSILLECO
Murolo-Tagliaferri
Canta Tullio Pane

Piscatore 'e stu mare 'e Pusilleco
ch'ogne notte mme siente 'e cantá,
piscató', sti pparole só' lacrene
pe' Maria ca luntana mme sta!...

Dorme 'o mare...Voca, voca...
Tutt'è pace attuorno a me...

Ma pecché,
ma pecché mm'hê lassato,
mentr'io moro, stanotte, pe' te!?

Casarella d''o Capo 'e Pusilleco,
spónta 'a luna e te vène a vasá...
Quanta notte aggio perzo guardánnote,
quanta juorne aggio visto schiará!...

Dorme 'o mare...Voca, voca...

Zitto oje core, ca 'nterra Pusilleco,
veco n'ombra ca segno mme fa...
Na manélla e na voce mme chiámmano:
fra sti bbracce Maria vò' turná...

Dorme 'o mare...Oje bella viene!...
'Ncielo 'a luna saglie e va...

Vita mia!
Vita mia mme vuó' bene?
Ca si è suonno nun farme scetá...

Dorme 'o mare...Voca, vo'...




Sta... per sempre....



2 commenti:

Marianna S. ha detto...

devo ammettere che non conoscevo questo interprete....lo so lo so sono un'ignorante senza rimedio...ciao Loris

TheSweetColours ha detto...

beh...napoli...