domenica 15 gennaio 2012

TARANTELLA CANTATA - OTELLO PROFAZIO

Otello Ermanno Profazio (Rende, 26 dicembre 1934) è un cantautore italiano nonché cantastorie dialettale calabrese di genere folk.


Il sole ti brucia i capelli. Te li fa grano maturo. La terra ti scotta i piedi. Le strade della città sanno di sale, di mare vicino. All'interno tutto è diverso, solenne e tremendo. La Calabria ti sbatte addosso la sua realtà fisica e ti affascina come una donna bella, tanto bella. La malvagità viene dopo, ma per stavolta lasciamo stare.
Voglio parlare di Otello Profazio e del suo “Sollazzevole” (Fonit Cetra 1971): Atto di amore per una terra conosciuta male. 
Otello Profazio questa sua terra la ama e la canta, come un antico cantastorie. Che gira paesi, su strade di polvere, tra cielo e terra, ulivo al fianco, voce spiegata e modulata secondo canoni che s'affondano in tempi remoti e ti parla di feste, ti parla di ballate e leggende. Ti porta negli occhi una Calabria amara, stanca, felice e allegra. Con la sua severità, col suo senso tragico d'umorismo, con la sua vita di ogni giorno, anzi, di ogni festa. Di ogni carcere e ogni miracolo. Non dev'essere stato lavoro da poco quello di Profazio. Una 'fatica', sul serio. Ma ne valeva il rischio e la pena.



SOLAZZEVOLE
1971 LP - Cetra Folk LPP 188
San Giuseppe / Chiacchiere di cantastorie / Carcere e villeggiatura / I miracoli di Santo Sano / Fumate, frates / Preti, comari e gatti / Pantagruelica / La vitella / La canzone del ciuccio / La grazia / Orazione della moglie del ladro / 'U 'ntrallazzu 'i me' mugghieri / Zza' Marianna / La brava morte / Tarantella cantata
  

     
TARANTELLA CANTATA

E ballati, cummari Maria,
c'è cumpari Vicenzu chi ssona
e va' iti comu a lu ventu:


cummari Maria e cumpari Vicenzu!
Roccu, Roccu, Roccu:
non mi toccari ca non ti toccu!
Cola, Cola, Cola:
comu nu latru lu tempu vola!
'Mpari Peppi, 'mpari Peppi, 
ve pigghiu la misura di li scarpi!
'Mpari Natu, 'mpari Natu
attentu chi rumpiti lu mattunatu!

E ballati, cumpari Nateddhu, 
a vui cumpari c'u tambureddhu!
E vui ballati, cumpari Nateddhu,
e vui faciti sempre accussì.
Ieu si ballu non stancu mai 
e me scordu di me guai,
gnura sì ca mi li scordu.

E chiamati a Cumjmari Vincenza
e chiamati a Cummari Maria
ch'iddi suli sannu lu versu 
mu mi mentunu l curria!

E ballati, e ballati
fimmini schetti e maritati
ca si non ballati bonu 
non vi canto e non vi sonu;
e si non ballati pulitu,
cci lu dicu allu vostru zitu.
Sciù, sciù, sciù, 
quanti fimmini chi ci su!

Balla, balla Ursu!
Ma ursu non voli ballari 
c'havi la panza china di favi!...



E ballate commare Maria,
c'è compare Vincenzo che suona
e va come il vento:

commare Maria e compare Vincenzo!
Rocco, Rocco, Rocco:
non mi toccare che non ti tocco
Cola, Cola, Cola:
come un ladro il tempo vola!
Compare Peppe, Compare Peppe,
vi prendo la misura delle scarpe!
Compare Fortunato, Compare Fortunato,
attento che rompete il mattonato!

E ballate compare Fortunatello,
a voi compari con il tamburello!
E voi ballate, compare Fortunatello,
e voi fate sempre così.
Io se ballo non mi stanco mai
e mi scordo dei miei guai,
si che me li scordo.

E chiamate comare Vincenza
e chiamate comare Maria
che solo loro sanno il verso
per mettermi la cinta!

E ballate e ballate
femmine zitelle e maritate
che se non ballate bene
non vi canto e non vi suono;
e se non ballate bene
glielo dico al vostro fidanzato
sciù, sciù sciù,
quante femmine che ci sono!

Balla, balla orso!
ma orso non vuole ballare
c'ha la pancia piena di fave!...


Per la traduzione ringrazio Murales WebStudio - CLICCA QUI


Sta... toujour...

1 commento:

TheSweetColours ha detto...

non conoscevo... grazie!!!