mercoledì 25 gennaio 2012

SCIUR PADRUN DA LI BELI BRAGHI BIANCHI (Testo, commento e video di Giovanna Daffini)




SCIUR PADRUN DA LI BELI BRAGHI BIANCHI

Sciur padrun da li béli braghi bianchi
fora li palanchi fora li palanchi
sciur padrun da li béli braghi bianchi
fora li palanchi ch'anduma a cà.

A scüsa sciur padrun
sa l'èm fat tribülèr
i era li prèmi volti
i era li prèmi volti
a scüsa sciur padrun
sa l'èm fat tribülèr
i era li prèmi volti
ca 'n saiévum cuma fèr.

Sciur padrun da li béli braghi bianchi
fora li palanchi, fora li palanchi
sciur padrun da li béli braghi bianchi
fora li palanchi ch'anduma a cà.

Prèma al rancaun
e po' dopu a 'l sciancàun
e adés ca l'èm tot via
e adés ca l'èm tot via
prèma al rancaun
e po' dopu a 'l sciancàun
e adés ca l'èm tot via
al salutém e po' andèm via.

Sciur padrun da li béli braghi bianchi
fora li palanchi fora li palanchi
sciur padrun da li béli braghi bianchi
fora li palanchi ch'anduma a cà.

Al nostar sciur padrun
l'è bon come 'l bon pan
da stér insëma a l'érsën
da stér insëma a l'érsën
al noster sciur padrun
l'è bon com'è 'l bon pan
da stér insëma a l'érsën
al dis - Fé andèr cal man -

Sciur padrun da li béli braghi bianchi
fora li palanchi fora li palanchi
sciur padrun da li béli braghi bianchi
fora li palanchi ch'anduma a cà.

E non va più a mesi
e nemmeno a settimane
la va a pochi giorni
la va a pochi giorni
e non va più a mesi
e nemmeno a settimane
la va a pochi giorni
e poi dopo andiamo a cà.

Sciur padrun da li béli braghi bianchi
fora li palanchi fora li palanchi
sciur padrun da li béli braghi bianchi
fora li palanchi ch'anduma a cà.

E non va più a mesi
e nemmeno a settimane
la va a poche ore
la va a poche ore
e non va più a mesi
e nemmeno a settimane
la va a poche ore
e poi dopo andiamo a cà.

Sciur padrun da li béli braghi bianchi
fora li palanchi fora li palanchi
sciur padrun da li béli braghi bianchi
fora li palanchi ch'anduma a cà.

Incö l'è l'ultim giürën
e adman l'è la partenza
farem la riverenza
farem la riverenza
incö l'è l'ultim giürën
e adman l'è la partenza
farem la riverenza
al noster sciur padrun.

Sciur padrun da li béli braghi bianchi
fora li palanchi fora li palanchi
sciur padrun da li béli braghi bianchi
fora li palanchi ch'anduma a cà.

E quando al treno a scëffla
i mundèin a la stassion
con la cassiétta in spala
con la cassiétta in spala
e quando al treno a scëffla
i mundèin a la stassion
con la cassiétta in spala
su e giù per i vagon.

Sciur padrun da li béli braghi bianchi
fora li palanchi fora li palanchi
sciur padrun da li béli braghi bianchi
fora li palanchi ch'anduma a cà.

Quando saremo a casa
dai nostri fidanzati
ci daremo tanti baci
ci daremo tanti baci
quando saremo a casa
dai nostri fidanzati
ci daremo tanti baci
tanti baci in quantità.

Sciur padrun da li béli braghi bianchi
fora li palanchi fora li palanchi
sciur padrun da li béli braghi bianchi
fora li palanchi ch'anduma a cà.

  
  
Traduzione

Signor padrone dai bei pantaloni bianchi, 
fuori i soldi che andiamo a casa. 
Scusi, signor padrone, 
se l'abbiamo fatto tribolare; 
erano le prime volte 
e non sapevamo come fare. 

Prima lo sradicavamo, 
poi lo strappavamo, 
e adesso che lo abbiamo tolto 
la salutiamo e andiamo via.

Il nostro signor padrone 
è buono come il pane 
buono di stare sopra l'argine 
e dice: Fate andare quelle mani... 

Oggi è l'ultimo giorno 
e domani è la partenza,
faremo la riverenza 
al nostro signor padrone... 

E quando il treno fischia, 
le mondine alla stazione 
con la cassetta in spalla, 
su e giù per i vagoni.

   

    
Raccolta da Gianni Bosio e Roberto Leydí a Gualtieri (Reggio Emilia), questa bella canzone di risaia faceva parte del repertorio di Giovanna Daffini  (Villa Saviola, 22 aprile 1913 – Gualtieri, 7 luglio 1969), uno straordinario personaggio di notevole intelligenza e umanità, mondina in gioventù, cantastorie poi fino alla morte (1969): andava di paese in paese, alle feste, ai matrimoni, nelle osterie, a cantare le 'sue' canzoni, accompagnandosi alla chitarra, con al fianco il marito, Vittorio Carpi, violinista.
Questa canzone, appresa dalla Daffini nel Novarese e nel Vercellese, era cantata dalle mondine già dopo una ventina di giorni di lavoro (il contratto prevedeva trenta-quaranta giorni), “perché eravamo stanchi di monda, che si vedeva le case anche non so distante quanti chilometri” (secondo una sua testimonianza riportata, con altre notizie interessanti, ne Il nuovo canzoniere italiano).
Nell'esecuzione originale di Giovanna Daffini, la canzone può essere ascoltata in Canti del lavoro e canzoni di Bella ciao ..,  Il Po, l'Emilia del Duo di Piadena (Tank); una strofetta con elementi simili è nel magnifico disco delle sorelle Bettinelli “La partenza per me la s'avvicina”.
Anni fa, nell'ambito della 'riscoperta' dei filone popolare da parte dei canzonettisti di consumo alla Sanremo, Sciur padrun da li beli braghi bianchi (così come la Bella ciao delle mondine) ha avuto il 'privilegio' di essere lanciata sul mercato radio-televisivo, naturalmente riconfezionata ad hoc per il goffo e bolso 'stile' di certi cantanti. Il tentativo della borghesia di appropriarsi anche del patrimonio popolare per rivomitarlo castrato di ogni autenticità e significato rivoluzionario ha raggiunto in questo caso risultati veramente penosi (vedi Gigliola Cinguetti) o appena tollerabili (vedi Anna Identici). Ma purtroppo non si è ancora - forse - visto il peggio.


VEDI ANCHE . . .




Sta... per sempre...

Nessun commento: