giovedì 19 gennaio 2012

MA MI - (Strehler/Carpi - Testo e video di Ornella Vanoni


_Scritta da Giorgio Strehler e Fiorenzo Carpi per lo spettacolo teatrale Milanin Milanun, la canzone è entrata nel circuito di consumo con l'incisione di Ornella Vanoni (Ricordi) e, in seguito, di Enzo Jannacci (Jolly).

MA MI
(versione originale in dialetto milanese)

Serem in quatter col Padola,
el Rodolfo, el Gaina e poeu mi:
quatter amis, quatter malnatt,
vegnu su insemma, compagn di gatt.
Emm fa la guera in Albania,
poeu su in montagna a ciapà i ratt:
negher, Todesch del la Wermacht,
mi fan morire domaa a pensagh!
Poeu m'hann cataa in d'una imboscada:
pugnn e pesciad e 'na fusilada...

Ma mi, ma mi, ma mi,
quaranta dì, quaranta nott
A San Vittur a ciapaa i bott,
dormì de can, pien de malann!...

Ma mi, ma mi, ma mi,
quaranta dì, quaranta nott,
sbattuu de su, sbattuu de giò:
mi sont de quei che parlen no!

El Commissari 'na mattina
el me manda a ciamà lì per lì:
"Noi siamo qui, non sente alcun",
el me diseva 'sto brutt terron!
El me diseva "i tuoi compari
nui li pigliasse senza di te...
ma se parlasse, ti firmo qua
il tuo condono: la libertà!
Fesso tu sei, se resti contento
d'essere solo chiuso qua dentro..."

Rit. - Ma mi, ma mi, ma mi....
Sont saraa su in 'sta ratera
piena de nebbia, de frecc e de scur,
sotta a 'sti mur passen i tramm,
frecass e vita del ma Milan...
El coeur se streng, venn giò la sira,
me senti mal, e stoo minga in pee,
cucciaa in sul lett in d'on canton
me par de vess propri nissun!
L'è pegg che in guera staa su la tera:
la libertà la var 'na spiada!

Rit. - Ma mi, ma mi, ma mi...

(gridando) Mi parli no!
    
    
MA MI (traduzione in Italiano)

Eravam in quattro col Padola,
il Rodolfo, il Gaina e poi io:
quattro amici, quattro malnati,
cresciuti insieme compagni di gatti.
Abbiam fatto la guerra in Albania,
poi su in montagna a prendere i ratti *:
neri, tedeschi della Wermacht,
mi fan morire solo a pensarci!
Poi m'han preso in un'imboscata:
pugni e pedate e una fucilata...

Ma io, ma io, ma io,
quaranta giorni, quaranta notti,
a San Vittore a prender le botte,
dormir da cani, pien di malanni!...
Ma io, ma io, ma io,
quaranta giorni, quaranta notti,
sbattuto di sopra, sbattuto di sotto:
io sono di quelli che non parlano!

Il Commissario una mattina
mi manda a chiamar lì per lì:
"Noi siamo qui, non sente nessuno-
mi diceva 'sto brutto terrone!
Mi diceva - i tuoi compagni
noi li prendiamo senza di te...
ma se parli, ti firmo qua
il tuo condono: la libertà!
Sciocco sei tu se sei contento
d'essere solo, chiuso qui dentro..."  

Rit. - Ma mi, ma mi, ma mi...

Son chiudo dentro questa rattiera
piena di nebbia, di freddo e di scuro,
sotto a questi muri passan i tram,
fracasso e vita del mio Milano...
Il cuor si stringe, scende la sera,
mi sento male e non sto mica in piedi,
accucciato sul letto in un cantone
mi par di non essere proprio nessuno!
E` peggio che in guerra star sulla terra:
la libertà vale una spiata!  

Rit. - Ma mi, ma mi, ma mi...  

(gridando) - Io non parlo!  


NB - * "A ciapaa i ratt", letteralmente tradotto "a prendere i ratti" è usato nel territorio milanese per indicare qualcosa di inutile, tra l'altro "Ma va' a ciapaa i ratt!" è il modo di dire usato per "mandare a quel paese" qualcuno.



Traduzione in prosa:

Eravamo in quattro, col Padula, il Rodolfo, il Gaina e io: quattro amici, quattro malnati venuti su insieme come i gatti. Abbiamo fatta la guerra in Albania, poi su in montagna ad acchiappar topi: neri, Tedeschi della Wermacht, mi fanno morire solo a pensar­ci! Poi mi hanno beccato in una imboscata, pugni, calci e una fucilata... Ma io, ma io, ma io quaranta giorni, quaranta notti a San Vittore a prender botte, dormire da cani, pieno di malanni... sbattuto su, sbat­tuto giù, io sono di quelli che non parlano!
Il Commissario una mattina mi manda a chiamare all'improvviso: « Noi siamo qui, non ci sente nessuno - mi diceva, sto brutto terrone; mi dice­va - i tuoi compari li piglieremo anche senza di te... ma se tu par­lassi, ti firmo qua il tuo condono: la libertà. Sei fesso se resti con­tento di stare tu solo chiuso qua dentro... ». Ma io, ma io... Son chiu­so qua in questa topaia piena di nebbia, di freddo e di buio; sotto queste mura passano i tram, fracasso e vita della mia Milano. Il cuore si stringe, vien giù la sera, mi sento male e non mi reggo in piedi; accucciato sul letto in un cantone, mi pare di essere proprio nessuno. Star sulla terra è peggio che stare in guerra: la libertà varrebbe bene una spiata! Ma io, ma io... »



Sta.. per sempre...

1 commento:

Laura ha detto...

Bellissima... io uso spesso "Ma và a ciapà i ratt" :D. Ciao Loris, buona serata.