mercoledì 28 dicembre 2011

1 - MUSICA PROFANA (Secular music)





Nell'alto Medioevo ci fu una fioritura di canti profani in latino di cui però restano scarse testimonianze a causa dell'accanita persecuzione da parte della Chiesa. 
I testi di questi canti prendevano spunto dall'attualità politica e civile ed erano destinati all'intrattenimento. 
Il principale documento pervenutoci è la raccolta di canti goliardici dei Carmina Burana (ritrovati nel chiostro benedettino di Beuren, in Germania) risalente alla prima metà del XIII secolo e scritti in un latino che risente delle influenze delle lingue volgari.
In Francia e in Germania fiorì la canzone profana in volgare ad opera dei trovatori, dei trovieri e dei Minnesänger che fecero della canzone un'arte colta e raffinata. 
L'uso della lingua volgare comportò una modificazione della tonalità e del ritmo che iniziò ad emanciparsi dall'intonazione. 
La produzione musicale italiana di questo periodo ha carattere popolare e trova la sua maggiore espressione nella lauda, canzone in lingua volgare di argomento religioso, sviluppatasi dai canti delle confraternite laiche penitenziali. 
Fra gli autori di laudi ricordo il poeta Iacopone da Todi.

VEDI ANCHE . . .




Sta...

Nessun commento: