lunedì 15 ottobre 2018

LIEDER TEDESCHI (German Lieder)


Viandante sul mare di nebbia

LIEDER TEDESCHI
IL ROMANTICISMO:1810 - 1900


I compositori romantici furono attratti da una espressione musicale molto intima: I'assolo vocale accompagnato dal pianoforte. Fiorì così la tradizione delle canzoni liriche, dette lieder, con una forte carica di intensità emotiva e soggettività espressiva.

Dall'incontro del classicismo con il romanticismo nacque in Germania un genere molto popolare: il lied, un tipo di canzone che coniuga musica e poesia. Fu soprattutto Schubert a dare a questa forma un'insuperata grandezza; compose circa 1000 lieder, i migliori dei quali sono rappresentazione e accompagnamento musicale dei versi di Goethe
Se il lied era in origine pretesto per esibire le doti dei cantanti, le composizioni di  Franz Schubert e dei successori crearono una forma ideale per trasmettere l'intensità espressiva della poesia attraverso la voce e il pianoforte.

I nomi di Schubert e Schumann presentano una certa assonanza, che accomuna anche la loro produzione di canzoni. Come Schubert, Robert Alexander Schumann fu attratto dall'intimo dialogo tra il pianoforte e la voce. Il suo matrimonio con C. Wieck, celebrato nonostante la dura opposizione del padre di lei, scatenò in lui l'ispirazione a comporre un fiume di canzoni: circa 150 lieder, molti dei quali raggruppati in veri e propri cicli liederistici come Amore e vita di donna e Amore di poeta (dedicato ai versi di H. Heine). Brahms, pupillo di Schumann, condivise con lui la passione per i lieder, così come fece Mendelssohn, suo contemporaneo. 
Ma il vero erede spirituale di Schubert Schumann fu un compositore minore, H. Wolf (1860-1903). Egli aspirava a scrivere melodrammi, ma scoprì invece di avere un grande talento nel trasporre in canzoni idee e forme musicali di grande respiro. Nelle sue antologie di canzoni tedesche, spagnole e italiane, la musica popolare convive con varie ballate, le cui storie sono narrate con una fervida immaginazione musicale.


LA SOCIETÀ DEL TEMPO

A. Salieri, spesso ricordato come rivale di Mozart, fu anche ottimo insegnante di composizione di Schubert alla scuola della Cappella di Corte a Vienna.
Oltre a Schubert anche Beethoven fu suo allievo.

All'inizio dell'Ottocento si affermò in Francia un tipo di canzone chiamala mélodie, in cui si cimentarono compositori come Debussy, Fauré e Satie. Queste canzoni sono ancora oggi parte integrante della tradizione musicale francese.

Nel periodo del Romanticismo si manifestò una grande comunione di forme artistiche. Molti scrittori ritenevano che la musica fosse il linguaggio ideale per trasmettere le verità universali e i compositori nutrivano grande interesse per la letteratura. 
Berlioz e Schumann, per esempio, furono autori di molti scritti teorici. Il Viandante sul mare di nebbia del pittore Caspar David Friedrich rappresenta lo spirito dell'uomo romantico sempre alla ricerca della verità.


domenica 14 ottobre 2018

MUSICA NAZIONALE RUSSA (Russian National Music)


Sheherazade 

MUSICA NAZIONALE RUSSA
IL ROMANTICISMO:1810 - 1900

Mentre la musica popolare fin dagli esordi ebbe un forte legame con gli ideali nazionalisti, la musica colta lo instaurò dal secolo XIX. Ciò avvenne sulla scia dei profondi mutamenti politici che trasformarono per sempre la Russia e dell' affermazione europea della cultura romantica.

Agli inizi dell'Ottocento in tutta Europa regnavano incontrastati l'opera italiana e la musica sinfonica tedesca, entrambe riconosciute come forme musicali internazionali. Tuttavia, già in questi anni, il nascente nazionalismo spinse ad un recupero della tradizione culturale e anche la musica assunse toni sempre più individualistici. La reazione repressiva sembrò imporsi, ma lo spirito nazionalistico si diffuse prepotentemente nelle arti e in particolare nella
musica. I compositori iniziarono a ricercare le proprie radici musicali ispirandosi alla cultura popolare 'nazionale' dei paesi d'origine. Questi sentimenti ebbero un impatto profondo e duraturo soprattutto nella musica russa.

I movimenti musicali nazionalisti fiorirono soprattutto nei Paesi che non avevano grandi tradizioni di musica classica, come la Russia. Con la composizione dell'opera Una vita per lo Zar nel 1836, ebbe inizio una svolta; l'autore Michail Ivanovič Glinka (Novospasskoe, 1º giugno 1804 – Berlino, 15 febbraio 1857) fu il primo ad ispirarsi alle melodie e ai ritmi del patrimonio folcloristico del suo Paese. Il suo esempio fu seguito da un gruppo di giovani compositori della generazione successiva, attivi a partire dagli anni intorno al 1860 a Pietroburgo e soprannominati "Il Gruppo dei Cinque".

Il più originale tra questi fu Modest Petrovič Musorgskij (Karevo, 21 marzo 1839 – San Pietroburgo, 28 marzo 1881), autore di un melodramma monumentale, Boris Godunov, ancora oggi inserito nel repertorio dei principali teatri d'opera del mondo.

Un altro esponente fu  Nikolay Andreevič Rimsky-Korsakov, che riadattò molte delle opere di Musorgskij dopo la sua morte e si affermò in seguito come il più prolifico compositore del gruppo. La sua deliziosa suite Sheherazade è molto popolare, così come il brillante e strepitoso Capriccio spagnoloRimsky-Korsakov completò anche Il Principe Igor, opera lasciata incompiuta da un altro esponente del Gruppo dei Cinque, Aleksandr Porfir'evič Borodin (San Pietroburgo, 12 novembre 1833 – San Pietroburgo, 27 febbraio 1887). 
Da Il Principe Igor sono tratte le 'Danze polovesiane', ancora oggi molto popolari e note al grande pubblico anche grazie all'enorme successo ottenuto a Broadway nel 1953 dal musical Kismet.


LA SOCIETÀ DEL TEMPO

Con Una vita per lo Zar Michail Ivanovič Glinka si guadagnò una notorietà immediata. La sua opera fu considerata dai musicisti della generazione successiva come iniziatrice del melodramma nazionale russo.
Come la maggior parte dei compositori di musica russi della sua generazione, Aleksandr Porfir'evič Borodin (1833-1887) affiancò un'altra carriera professionale a quella musicale. Fu infatti eminente ricercatore e docente di chimica organica alla Accademia di Medicina di San Pietroburgo.

La sconfitta dei russi nella guerra di Crimea (1853-1856) mise in evidenza I'arretratezza di questo Paese rispetto all'Europa occidentale. In Russia vigeva ancora la servitù della gleba, che manteneva circa 60 milioni di contadini (i due terzi della popolazione del paese) in condizioni di semischiavitù.
La servitù fu abolita solo nel 1861 dallo Zar Alessandro II nel tentativo di modernizzare il Paese.




sabato 13 ottobre 2018

SONATA PER PIANOFORTE n.° 8 - Op. 13 - PATETICA (Sonata Pathétique) Beethoven




SONATA PER PIANOFORTE n.° 8 PATETICA
Op. 13: Primo Movimento
Beethoven


Questa sonata fu composta ai primi sintomi della sordità e sembra caratterizzata da repentini cambiamenti di atmosfera che rendono la musica impetuosa. 

Le cupe battute iniziali segnano l'impostazione del brano, che poi scivola verso un sicuro lirismo, brutalmente interrotto, che conduce alla sezione centrale di questa partitura. 

Passaggi veloci e vivaci, in un'atmosfera più sollevata, sembrano rievocare forza e vita, ma ogni volta il tema iniziale riaffiora soverchiandoli. 

La musica evolve quindi verso accenni di intima intensità, fino alla conclusione enfatica del brano.




VEDI ANCHE . . .

BEETHOVEN, solo con la sua musica (It is only with his music)

LUDWIG VAN BEETHOVEN - Sinfonia di vita (Symphony of Life)

BEETHOVEN, L'UOMO NUOVO (The new man)

UNA GIORNATA DI BEETHOVEN (A day of Beethoven)

Ludwig van Beethoven - Vita e opere (Nona Sinfonia Op. 125 in Re minore, "la Corale"

SINFONIA n° 5 Op. 67 - PRIMO MOVIMENTO - Beethoven

SINFONIA N° 6 - PASTORALE - Beethoven

SINFONIA N° 8 Op 93 - Beethoven

venerdì 12 ottobre 2018

FIDELIO - CORO DEI PRIGIONIERI - Op. 72c - Beethoven


Prigionieri assiri, circa 700-692 a.C.
Ninive, Palazzo sud-ovest, Sala XXXII, pannelli 7-8

 FIDELIO 
CORO DEI PRIGIONIERI 
Op. 72c 
Beethoven

Fidelio è un'opera tratta dal libretto Léonore ou I'amour conjugal scritto da J. H. Bouilly. 

È la storia di un prigioniero politico, Florestano, salvato dalla determinazione di sua moglie, Leonora.

Questo brano ci fa ascoltare il coro dei prigionieri che escono dall'oscurità del loro carcere provando quella libertà che sperano possa essere ritrovata. 

Nel pianissimo iniziale sembra quasi di vedere i prigionieri aprire lentamente gli occhi per riabituarsi alla luce, mentre respirano l'aria fresca. Lentamente il velo si squarcia in un ampio crescendo, mentre prendono coraggio, inneggiando a quella libertà che Dio sembra concedere loro.


Coro Nazionale e Sophia Philarmonic Orchestra diretta da Georgi Robev


VEDI ANCHE . . .

BEETHOVEN, solo con la sua musica (It is only with his music)

LUDWIG VAN BEETHOVEN - Sinfonia di vita (Symphony of Life)

BEETHOVEN, L'UOMO NUOVO (The new man)

UNA GIORNATA DI BEETHOVEN (A day of Beethoven)

Ludwig van Beethoven - Vita e opere (Nona Sinfonia Op. 125 in Re minore, "la Corale"

SINFONIA n° 5 Op. 67 - PRIMO MOVIMENTO - Beethoven

SINFONIA N° 6 - PASTORALE - Beethoven

SINFONIA N° 8 Op 93 - Beethoven

giovedì 11 ottobre 2018

CONCERTO PER PIANOFORTE n° 5 - IMPERATORE - Op. 73: Secondo Movimento - Beethoven




CONCERTO PER PIANOFORTE n° 5 - IMPERATORE 
Op. 73: Secondo Movimento
Beethoven


Lo splendido concerto è l'ultimo e forse il più grande dei concerti che il musicista scrisse per il pianoforte. 
Il brano è un adagio di grande bellezza, sembra quasi riuscire a introdurci in una atmosfera di sospensione temporale.
Il pianissimo degli archi introduce il tema del pianoforte, di sorprendente semplicità, che rimane sospeso nell'aria. 
Nelle successive variazioni, nulla sembra riuscire a disturbare questo clima di soverchiante calma, come se il genio inquieto di Beethoven avesse ora trovato sollievo.



VEDI ANCHE . . .

BEETHOVEN, solo con la sua musica (It is only with his music)

LUDWIG VAN BEETHOVEN - Sinfonia di vita (Symphony of Life)

BEETHOVEN, L'UOMO NUOVO (The new man)

UNA GIORNATA DI BEETHOVEN (A day of Beethoven)

Ludwig van Beethoven - Vita e opere (Nona Sinfonia Op. 125 in Re minore, "la Corale"

SINFONIA n° 5 Op. 67 - PRIMO MOVIMENTO - Beethoven

SINFONIA N° 6 - PASTORALE - Beethoven

SINFONIA N° 8 Op 93 - Beethoven

mercoledì 10 ottobre 2018

CHILD IN TIME - Deep Purple (Testo, traduzione, video)




CHILD IN TIME

DEEP PURPLE

Sweet child in time, you'll see the line
Line that's drawn between good and bad
See the blind man shooting at the world
Bullets flying, ooh taking toll

If you've been bad - Oh Lord, I bet you have
And you've not been hit oh by flying lead
You'd better close your eyes, aahaouho bow your head
Wait for the ricochet

Sweet child in time, you'll see the line
Line that's drawn between good and bad
See the blind man shooting at the world
Bullets flying, mm taking toll

If you've been bad - Lord, I bet you have
And you've not been hit oh by flying lead
You'd better close your eyes, aahaao bow your head
Wait for the ricochet...





BIMBO NEL TEMPO

Dolce bimbo nel tempo tu vedrai la linea
la linea che è tracciata tra il bene e il male
Osserva l'uomo cieco sparare al mondo
proiettili vaganti esigono un tributo.

Se sei stato cattivo - Signore, scommetto che lo sei stato
e se non sei stato colpito dal piombo vagante
farai meglio a chiudere gli occhi e chinare la testa
Aspettando il rimbalzo del proiettile.

Dolce bimbo nel tempo tu vedrai la linea
la linea che è tracciata tra il bene e il male
Osserva l'uomo cieco sparare al mondo
proiettili vaganti esigono un tributo

Se sei stato cattivo - Signore, scommetto che lo sei stato
e se non sei stato colpito dal piombo vagante
farai meglio a chiudere gli occhi e chinare la testa
Aspettando il rimbalzo del proiettile.


VEDI ANCHE . . .

SMOKE ON THE WATER - Deep Purple